Un sistema misto con “metà studenti per metà settimana in classe e l’altra metà collegati da casa a seguire che l’altra metà della classe fa in presenza”. È l’ipotesi messa in campo dalla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina a “L’Intervista di Maria Latella” su Sky TG24. La Azzolina ha sottolineato l’importanza di rientrare a settembre, perché “tutti gli studenti hanno il diritto di tornare a scuola”, evidenziando che qualora non fosse possibile un ritorno pieno alla normalità, bisognerà trovare un modo “per far mantenere il distanziamento sociale” anche in classe, per questo è “evidente che non si possono mettere 28 o 30 alunni per classe”. La ministra ha poi sottolineato che l’organico aumenterà e che “essendoci una denatalità avremo un po’ meno alunni per classe”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Azzolina promette ritorno a scuola a settembre: “È un diritto degli studenti”. E ipotizza l’uso della formula mista con classi dimezzate e presenze alternate

next