Un sistema misto con “metà studenti per metà settimana in classe e l’altra metà collegati da casa a seguire che l’altra metà della classe fa in presenza”. È l’ipotesi messa in campo dalla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina a “L’Intervista di Maria Latella” su Sky TG24. La Azzolina ha sottolineato l’importanza di rientrare a settembre, perché “tutti gli studenti hanno il diritto di tornare a scuola”, evidenziando che qualora non fosse possibile un ritorno pieno alla normalità, bisognerà trovare un modo “per far mantenere il distanziamento sociale” anche in classe, per questo è “evidente che non si possono mettere 28 o 30 alunni per classe”. La ministra ha poi sottolineato che l’organico aumenterà e che “essendoci una denatalità avremo un po’ meno alunni per classe”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Azzolina promette ritorno a scuola a settembre: “È un diritto degli studenti”. E ipotizza l’uso della formula mista con classi dimezzate e presenze alternate

next