A oltre due mesi dall’inizio dell’emergenza, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha fatto la sua prima visita il Lombardia. “Prima sarei d’intralcio” ha specificato ai giornalisti. Atterrato nel tardo pomeriggio a Linate, Conte ha cominciato la sua visita da Milano, prima di raggiungere anche le province più colpite di Bergamo e Brescia e annunciando – a sorpresa – tappe anche anche a Lodi e Codogno. Ad attenderlo il presidente della Regione Attilio Fontana, il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, i rappresentanti del mondo delle imprese,il presidente designato di Confindustria Carlo Bonomi e il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli. Fermandosi con i cronisti Conte ha replicato alle critiche arrivate da più parti sulla cosiddetta Fase 2. “Sarebbe irresponsabile affrontare dopo tante rinunce e sacrifici la fase due in modo sconsiderato” ha detto il premier Giuseppe Conte da Milano. “Dobbiamo preservare la salute dei cittadini. Stiamo facendo tanti sacrifici. Non è questo il momento di mollare. Questo governo non cerca il consenso, ma i cittadini devono avere fiducia sul fatto che le nostre decisioni sono nell’interesse di tutti. Non possiamo mollare in queste fase. Non buttiamo a mare tutti i sacrifici fin qui fatti”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Conte in Lombardia: “Non ci sono condizioni per ritorno alla normalità. Il governo non cerca consenso, vuol fare le cose giuste”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la Svp minaccia di interrompere “collaborazione con il governo” senza il via libera a una Fase 2 autonoma per l’Alto Adige

next