“La scuola per vari motivi e anche perché ha momenti di aggregazione, ma anche un insieme di correlati come chi porta i ragazzini, i mezzi di trasporti, non unicamente legate al momento scolastico, può diventare un luogo che favorisce la diffusione dell’infezione”, così il presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro durante la conferenza stampa della Protezione civile, rassicurando sull’impegno messo in campo per mettere in sicurezza le attività scolastiche. E alla domanda sul perché altri paesi abbiano deciso di riaprire le scuole, o addirittura di non chiuderle, come la Svezia, specifica: “Ha una popolazione e un’organizzazione della vita diversa, in Italia il ruolo della famiglia allargata è importante, cosa che nei paesi nordici è organizzata in maniera diversa. Anche questo ha un suo significato“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Brusaferro (Iss): “Mascherina anche all’aperto se non è possibile distanziamento. Ma non deve dare false sicurezze, è elemento in più”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il capo della Task force Colao: “La Fase 2 coinvolge 4,5 milioni di lavoratori. Servono screening estensivi e subito l’app”

next