È stata “impedita la diffusione di Sars-Cov-2 nelle regioni dell’Italia Centrale e nel Sud del Paese. È di fatto un dato ormai solidamente corroborato dall’evidenza dei numeri. E, non a caso, anche oggi ben 13 regioni e province autonome hanno un numero di decessi inferiori alle due cifre e due regioni non hanno avuto casi fatali”. Lo ha sottolineato Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità (Css), durante la conferenza stampa dalla Protezione civile di Roma.

“In 13 Regioni e Province autonome si sono verificati decessi con numeri inferiori alle due cifre”. Così il presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli in conferenza stampa. acp

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, le ipotesi degli esperti per la Fase 2: tre macroaree, moda e auto verso la riapertura il 27. Bar, ristoranti e parchi: c’è uno spiraglio per ricominciare il 4 maggio. Palazzo Chigi: “Non c’è nulla di certo”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Ricciardi (Oms): “È una certezza la seconda ondata in autunno. Se si sbagliano riaperture, la rischiamo prima dell’estate”

next