È stata “impedita la diffusione di Sars-Cov-2 nelle regioni dell’Italia Centrale e nel Sud del Paese. È di fatto un dato ormai solidamente corroborato dall’evidenza dei numeri. E, non a caso, anche oggi ben 13 regioni e province autonome hanno un numero di decessi inferiori alle due cifre e due regioni non hanno avuto casi fatali”. Lo ha sottolineato Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità (Css), durante la conferenza stampa dalla Protezione civile di Roma.

“In 13 Regioni e Province autonome si sono verificati decessi con numeri inferiori alle due cifre”. Così il presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli in conferenza stampa. acp

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, le ipotesi degli esperti per la Fase 2: tre macroaree, moda e auto verso la riapertura il 27. Bar, ristoranti e parchi: c’è uno spiraglio per ricominciare il 4 maggio. Palazzo Chigi: “Non c’è nulla di certo”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Ricciardi (Oms): “È una certezza la seconda ondata in autunno. Se si sbagliano riaperture, la rischiamo prima dell’estate”

next