Il pronto soccorso è pieno, i reparti anche e i sospetti Coronavirus devono attendere in ambulanza. A Roma e nel Lazio i numeri dei contagi sono ancora contenuti rispetto ad altre zone d’Italia – sotto i 2000 in tutta la Regione – ma già emergono le prime criticità. Ieri sera fuori dall’accettazione del Policlinico Gemelli, dove è stato realizzato il secondo Covid Hospital della Capitale, c’erano diversi mezzi in attesa. Il triage aveva esaurito i posti dedicati ai casi sospetti, così i pazienti sono rimasti a bordo delle vetture in attesa di essere visitati, come dimostra un video girato nel parcheggio da un operatore del 118. “L’attesa è anche di 5-6 ore. In alcuni casi si fa prima ad avere il risultato del tampone che ad essere visitati”, spiega Roberto Chierchia del sindacato Cisl. Nelle ultime 24 ore prese in esame, al Policlinico cattolico ci sono stati 120 accessi sospetti Covid, di cui ben 82 ambulanze. “I pazienti devono rispettare i criteri di isolamento con distanza di almeno 1 metro di distanza – fanno sapere dal Gemelli – In assenza di questi requisiti, nell’interesse e sicurezza del paziente, è indicata la permanenza in ambulanza finché non si libera la postazione in isolamento”. I posti alla clinica Columbus, invece, saranno tutti disponibili a partire dal 30 marzo. L’Ares 118 fa sapere che nell’ultima settimana la media è stata di 220 interventi Covid al giorno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Coronavirus, Angelo Borrelli ha la febbre. La Protezione Civile conferma conferenza stampa delle 18. Bertolaso ricoverato al San Raffaele

next
Articolo Successivo

Coronavirus, altri medici morti: ora sono 31. Il sindacato Fimmg: “Le istituzioni riflettano. Vanno protetti, altrimenti è strage di Stato”

next