In un mondo che… fa paura ormai, noi ti aiuteremo sai… Tutto passerà, e sorriderai, noi ce la faremo, sì, lo vedrai. Adesso resta a casa, esci solo per la spesa, domani è un nuovo giorno…“. È l’inno contro il coronavirus scritto da Mogol sulle note de Il mio canto libero di Lucio Battisti. “L’idea – riferisce una nota della Federazione italiana delle Società medico scientifiche (Fism) – è stata quella di interpretare la canzone, ovviamente a distanza, mettendo a valore le capacità musicali di tanti professionisti delle corsie di tutta Italia per sottolineare come il difficile lavoro negli ospedali debba essere sostenuto dall’impegno di tutti. Ne è nato un vero e proprio inno che, pur nella fatica, non abbandona la speranza”. A cantare il brano sono un gruppo di medici da tutta Italia, della (Fism), che nonostante il momento difficile, fra un turno e l’altro, hanno voluto invitare in musica gli italiani a restare a casa e regalare anche solo un momento di speranza.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, William e Kate prendono la ‘leadership’: la stampa inglese li ha già incoronati

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il balletto del poliziotto fa divertire le ragazze alla finestra

next