Sul trono d’Inghilterra è l’ora di William. Sono diverse le testate specializzate sui reali d’Inghilterra che stanno soffiando sulle braci dell’imminente cambio sul trono britannico. Intanto va messo nel contro l’emergenza Coronavirus che, Boris Johnson o meno, sta investendo anche l’Inghilterra. La regina Elisabetta, 93 anni, sovrana assoluta, amata come un totem intramontabile dai suoi sudditi, ha lasciato Buckingham Palace per trascorrere la quarantena nel più eremitico Castello di Windsor. Luogo in cui era già previsto il soggiorno pasquale e dove il 97enne marito Filippo l’ha raggiunta in elicottero da Sandrigham.

In linea dinastica toccherebbe a Carlo, ma anche lui, a 72 anni, e con la strategia da immunità di gregge voluta dal governo inglese, meglio che resti isolato nella sua tenuta scozzese. Oltretutto, come segnalano i tabloid inglesi, agli ultra settantenni BoJo ha consigliato dodici settimane di isolamento. Insomma, con Harry e Meghan fuggiti in Canada ripudiando a dir poco stirpe, titoli e corte, ecco l’opzione William, in questo momento straordinario diventa la leadership più naturale possibile, assieme alla regale moglie Kate. Dicevano di Harry e Meghan. Ebbene, mai momento li ha visti più lontani delle vicende di “casa” Windsor. I due sono ovviamente in Canada con la Markle a condividere su Instagram il messaggio di Elisabetta anche se con troppo sbraitare contro i commentatori che la criticano. Tanto fumantini i duchi del Sussex, insomma, quanto rassicuranti, calmi e regali i duchi di Cambridge. Insomma l’incoronazione della stampa inglese per William e Kate è cosa fatta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, dal balcone le gridano “Vai a casa!” e le tirano un secchio d’acqua. Ma era la farmacista che tornava nella sua abitazione

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la “teoria” di Cicciolina: “L’avevo detto che saremmo morti come mosche. Il governo fu avvertito dai servizi di intelligence”

next