Nuovo blitz del sindaco di Bari, Antonio Decaro, verso i cittadini. Il primo cittadino, dopo quello fatto al Parco 2 giugno prima di chiuderlo, ha fatto un altro giro per la città ripreso dalle telecamere, scovando e rimproverando chi non rispetta i decreti della presidenza del Consiglio dei ministri, al fine di arginare la diffusione del Coronavirus, che vietano di stare per strada senza comprovati motivi. “Non mi guardate così, dovete andare a casa”, ha detto a diversi cittadini noncuranti delle direttive. “Sono il sindaco della città – ha ribadito ad altri che giocavano a ping pong – C’è un decreto e in questa città lo faccio rispettare io, dovete stare tutti a casa. Altrimenti viene la polizia e vi porta di peso a casa”. “Questa è un’emergenza nazionale – ha detto ancora – Le immagini che vengono da Milano o da Bergamo sono vere, non un telefilm”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Fontana: “Governo vuole realizzare altri due ospedali su modello di quello in Fiera, uno per il Centro e uno per il Sud”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Gallera: “Oggi il parco era pieno di milanesi che correvano e andavano in bici. Non va bene. State a casa, è sacrificio necessario”

next