Come è gestita nelle vostre città l’emergenza Coronavirus? Come si comportano le autorità e i cittadini? E nelle vostre vite, c’è qualche aspetto positivo o inatteso nell’isolamento forzato? Abbiamo chiesto ai nostri Sostenitori di raccontarcelo, inviando testimonianze, osservazioni e spunti per la redazione al Blog Sostenitore. Mai come stavolta il contributo della nostra comunità è fondamentale: con il Paese in zona rossa, ogni segnalazione è importante. Abbiamo bisogno di voi. Sosteneteci: se non siete ancora iscritti, ecco come potete farlo.

di Lorenzo Giannotti

Il virus è l’unico turista ancora in viaggio per l’Europa e si diffonde a macchia d’olio, facendo tacere tutti gli incolpatori del nulla e i polemici di professione: non è affare solo italiano. Dai sovranisti ai riformisti, passando per i democristiani teutonici, mo’ se lo beccano un po’ tutti.

Dall’Inghilterra il premier fa sapere ai suoi concittadini che devono abituarsi a perdere i propri cari: sbrigatevela da soli ché non c’ho tempo per ‘ste cagate. In Francia Emmanuel Macron chiude tutto, ma solo da lunedì: domenica ci sono le amministrative (al voto 48 milioni di francesi), abbiate pazienza. La cancelliera tedesca annuncia che il 70% della popolazione si infetterà (e si voterà in queste ore in Baviera).

Una delle nuove regine dell’Europa tecnocratica, Christine Lagarde, compie qualcosa che non si era mai visto prima, un’impresa che nessun era mai riuscito a portare a casa, e in Italia i pretendenti a tal scopo non latitano di certo: con sette parole buttate là riesce a far incazzare Sergio Mattarella per la prima volta in 78 anni di vita, che se l’avesse avuta fra le mani l’avrebbe strangolata.

Ora, immaginiamo per un momento che il nostro Presidente del Consiglio sia Matteo Salvini: tutto ermeticamente chiuso in tutta Italia, anzi, no altrimenti qui l’economia va a rotoli, facciamo un giorno sì e un giorno no almeno si taglia la testa al toro; emergenza sanitaria affidata al cuore immacolato della Beata Vergine Maria; eurodeputati leghisti sguinzagliati in giro come segugi per reperire gli italiani rimasti all’estero e per riportarli sul suolo natio; selfie a cascata in compagnia del coronavirus come se non ci fosse un coronavirus; medici cinesi giunti da noi per darci una mano segregati in uno stanzino dell’aeroporto.

Ecco, in mezzo a tutto questo immenso casino, l’unica cosa che mi viene da pensare è che forse siamo fortunati ad avere a Palazzo Chigi il nuovo sex symbol delle casalinghe nostrane: Giuseppe Conte. Intento, con serietà e pacatezza, a far rispettare le regole al popolo più riottoso nei loro confronti: quello italiano. Parafrasando una vecchia hit in voga (ahinoi) qualche tempo fa: presidente siamo con te, menomale che Conte c’è!

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, limiti di età per la terapia intensiva? Una circolare del Veneto rilancia il documento degli anestesisti e mi chiedo cosa ne pensi Zaia

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Ceriscioli: “Nelle Marche tamponi anche ad asintomatici. Partiamo da Ascoli Piceno, che ha numeri bassi, con 800 al giorno”

next