Le bimbe di Giuseppe Conte“. Non è una parodia del gruppo di fan di Giulia De Lellis (che si sono autonominate “le bimbe di Giulia”) ma un gruppo nato realmente su Instagram. il motivo? Anche in tempo di Coronavirus c’è spazio per l’infatuazione e molte sono le fan del premier. Anzi, aumentano di ora in ora. Prova ne è proprio la pagina Instagram di “bimbe” del premier che nel giro di pochi giorni è passata da meno di 10 mila follower a più di 170 mila. “Per iniziare meglio la giornata di tutte le bimbe” si legge in un post con la foto di Conte che tiene in mano una tazzina di caffè. E i commenti sono tutti sognanti: “Buongiorno amore mio”, “Non c’è miglior risveglio”. E su Twitter le cose non cambiano: “Più sexy di Giuseppe Conte c’è solo Giuseppe Conte che parla allo stato”, “Giuseppe Conte comunque ha qualcosa di sexy non so cosa ma qualcosa”, “Sei troppo figone, bello e sexy, scusi, dovevo dirlo”. Insomma, il premier Giuseppe Conte è diventato un sex symbol. “Che sia uno dei sintomi del Coronavirus?”, scherza qualcuno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, Bill Gates a una conferenza nel 2015: “Un virus altamente contagioso ucciderà milioni di persone”

next
Articolo Successivo

Carmen Russo e Enzo Paolo Turchi, il battibecco continuo in diretta: “Lei non ne ha mai fatto uno giusto”

next