Donare il sangue sulle note di “Abbracciame” di Andrea Sannino. A Napoli, si risponde così all’emergenza sangue causata dalla paura del contagio da coronavirus che, ha portato, la scorsa settimana, a un bilancio negativo di -666 unità di sangue. Così oggi, nel centro trasfusionale del Cardarelli, come nei giorni precedenti, tutte le poltrone disponibili sono occupate e insieme, donatori e personale del reparto, intonano la canzone diventata la colonna sonora della quarantena a Napoli. Un brano che si sente anche tra i palazzi durante i flashmob. Sannino, quando ha appreso del video, ha spiegato: “non ci sono più parole, solo lacrime di gioia e di speranza. Un applauso a questi angeli in corsia e a questa gente che nel donare il sangue sono ufficialmente ‘donatori d’amore’. Non avrei mai immaginato che ‘Abbracciame’ riuscisse a essere così importante. Viva la vita”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’Avis lancia la campagna #Escosoloperdonare: “Il bisogno di sangue non si ferma mai”. Ecco il vademecum

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Borrelli (Protezione civile): “È un’emergenza mai vista, basta con le polemiche”

next