“Forse non tutti ci pensano ma qui in Oncoematologia Pediatrica serve tanto sangue”. L’appello a non fermare le donazioni, anche nell’emergenza del Covid-19, arriva pure dall’Ospedale Santa Chiara di Pisa, dove Luca Coccoli, oncologo nel reparto di Oncoematologia Pediatrica, ricorda a tutti che non solo le operazioni chirurgiche, ma pure le chemioterapie rischiano per la prima volta di fermarsi per carenza di sangue, in tutta Italia. Lo fa con un video diffuso sui social, che ha già raccolto oltre 12.600 visualizzazioni. In un reparto come quello pediatrico di Pisa, servono circa 1200 sacche all’anno. Ma il divieto di uscire imposto per contenere il contagio da Covid-19 rischia di far calare vertiginosamente il numero di donatori. “Se dovesse succedere, potrebbe pesare anche molto nel timing terapeutico dei bambini e ragazzi. La chemioterapia, imprescindibile per i tumori maligni, si fa sapendo che ci sarà sangue per le trasfusioni, se dovessero servire per sostenere il bambino tra un ciclo e l’altro. La chemio infatti funziona abbattendo le cellule a rapida replicazione: quelle tumorali, ma anche quelle del sangue. Per questo servono i donatori: per riportare i valori a livelli sufficienti per sostenere un altro ciclo. Il sangue artificiale non esiste ancora”, spiega Coccoli a ilfattoquotidiano.it. Le precauzioni non mancano. “Qui da noi c’è un filtro prima di entrare: si dà una mascherina al donatore, il gel per disinfettare le mani, si prende la temperatura con il termometro elettronico, come sempre c’è una valutazione del medico. Inoltre l’ingresso per i donatori di sangue è separato dal pronto soccorso”, conclude l’oncologo.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’assessore interrompe la conferenza stampa: “Scusate ma ci stanno donando 14mila mascherine in diretta”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’Avis lancia la campagna #Escosoloperdonare: “Il bisogno di sangue non si ferma mai”. Ecco il vademecum

next