Scuole chiuse, lavoro a casa, spostamenti limitati: un primo effetto delle restrizioni imposte per il coronavirus si è visto nel cielo del nord Italia, dove i livelli di inquinamento sono drasticamente calati in poche settimane. I livelli di biossido di azoto, un marcatore dell’inquinamento, sono calati con decisione. L’effetto si vede chiaramente dalle foto postate su Twitter da Santiago Gassò, ricercatore dell’Università di Washington e della Nasa, che mettono a confronto la situazione del 14 febbraio e quella dell’8 marzo, prima e dopo lo ‘stop’ imposto dall’epidemia: il colore rosso scuro, che indica una concentrazione eccessiva di No2, si attenua fino a scomparire. Le immagini arrivano dai sensori del satellite Sentinel 5 del programma europeo Copernicus, gestito da Commissione Europea e Agenzia Spaziale Europea (Esa).

I sensori Tropomi (Tropospheric Monitoring Instrument) a bordo del satellite hanno rilevato il progressivo ridursi della nube rossa di biossido di azoto, il gas nocivo emesso dai combustibili fossili, quindi in particolare dai veicoli a motore e dalle strutture industriali. Un effetto simile è stato fotografato dai satelliti all’inizio di marzo in Cina, dove i livelli di biossido di azoto sono calati del 30%, attraverso le immagini raccolte dalla Nasa e dai satelliti di monitoraggio dell’inquinamento dell’Agenzia spaziale europea (Esa).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Taranto, le rivelazioni dell’ispettore del lavoro e l’indagine ‘scomparsa’: ‘Ditte che lavoravano per l’Arsenale gettavano veleni nel mar Piccolo’

next
Articolo Successivo

Cambiamenti climatici, davanti all’emergenza la politica è stata una delusione su tutti i fronti

next