Un tramonto e un tram. È l’immagine che ha scelto il Lussemburgo per fare un annuncio davvero particolare. I trasporti pubblici sarnno gratis per tutti da domani primo marzo. Il Gran Ducato è il primo paese al mondo ad adottare un provvedimento di questo genere per ridurre l’inquinamento dovuto alla circolazione degli autoveicoli nell’ambito della lotta ai cambiamenti climatici. L’iniziativa fa parte di un piano del governo lussemburghese sulla mobilità in un paese dove l’auto regna sovrana e gli ingorghi sono frequenti anche a causa del forte traffico di pendolari che lavorano in Lussemburgo ma abitano in Belgio, Francia e Germania. Solo il biglietto ferroviario di prima classe resterà a pagamento. Il costo totale del mantenimento della rete pubblica, circa 500 milioni di euro l’anno, sarà quindi a totale carico dello Stato.

Salta su e fai un giro con noi“, ha annunciato il ministro per la Mobilità del Granducato Francois Bausch, presentando l’iniziativa alla stazione di Pfaffenthal-Kirchberg. L’auspicio è che la gente preferisca così il trasporto pubblico, lasciando a casa l’auto e contribuendo alla riduzione del traffico. La nuova era del trasporto pubblico gratuito è stata celebrata con spettacoli di danza e musicali in tutte le stazioni e sui treni e sui tram. Da qui al 2027 il Lussemburgo ha annunciato investimenti per 4 miliardi di euro nel solo trasporto ferroviario. Restano esclusi dal provvedimento – che costerà alle casse del Granducato 41 milioni di euro – i viaggi in prima classe ed i viaggi in treno all’estero, per i quali sono previsti comunque tariffe ridotte.

Foto dall’account Twitter del Lussemburgo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Successivo

Coronavirus, le mappe della Nasa prima e dopo l’epidemia: enorme declino dei livelli di inquinamento

next