Nella splendida architettura disegnata da Le Corbusier e Pierre Jeanneret, concepito nel 1925 e ricostruito a Bologna negli anni 70 (che da solo merita la visita N.D.R), sono esposte una selezione di opere multimediali realizzate degli ultimi dieci anni dall’artista e film-maker finlandese Mika Taanila. Tutte basate sul tema dei processi standardizzati e su utopiche innovazioni tecnologiche, la mostra “Damage/Control”, a cura di Lorenza Pignatti, è un’indagine sul futuribile con video documentari dedicati a figure come Erkki Kurenniemi, esperto di robotica e pioniere della musica elettronica in Finlandia, o all’architetto finlandese Matti Suuronen inventore delle “future house”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parma, si indaga su un ‘cold case’ di 400 anni fa: l’autopsia sui resti del duca Alessandro Farnese potrebbe cambiare la storia

next
Articolo Successivo

Lo Scaffale dei Libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti da Kyto Aya agli scrittori in fuga vero Canada, Messico, e… Berlino

next