Dal 24 al 26 Gennaio 2020 la città di Bologna apre al pubblico la 44° edizione di Arte Fiera, per il secondo anno firmata dal curatore Simone Menegoi. Per tutto il weekend, all’interno dei padiglioni 15 e 18 dell’ormai storico quartiere fieristico, 155 gallerie selezionate provenienti da tutto il mondo proporranno le opere di 355 artisti. Ad arricchire la kermesse tre sezioni curatoriali che si concentrano rispettivamente sulla fotografia, sulla pittura del XXI secolo e sulle ricerche artistiche del 900, quest’ultima a cura di Laura Cherubini.

L’opera “Welcome” concepita dall’artista Eva Marisaldi accoglierà i visitatori con un’istallazione poetica e diffusa, spaziando dall’intera zona d’ingresso fino a dei punti nevralgici del centro città come il Teatro Comunale, interessato per l’occasione da un complesso progetto sonoro. Per l’edizione 2020 inoltre si conferma l’appuntamento “Courtesy Emilia-Romagna”, a cura di Eva Brioschi, mostra che racchiude alcuni capolavori provenienti dalle collezioni pubbliche e private del territorio e “Oplà. Performing Activities”, a cura Silvia Fanti, con azioni performative di artisti come Jimmie Durham e Luca Vitone. A confermare l’impegno della fiera nei confronti dell’arte emergente anche quest’anno una ricca selezione di cinque premi, tutti coordinati da una rosa di professionisti tra curatori, collezionisti e altri addetti ai lavori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parma, si indaga su un ‘cold case’ di 400 anni fa: l’autopsia sui resti del duca Alessandro Farnese potrebbe cambiare la storia

next
Articolo Successivo

Lo Scaffale dei Libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti da Kyto Aya agli scrittori in fuga vero Canada, Messico, e… Berlino

next