La mostra che Davide Ferri pensa per Palazzo De Toschi parte dall’esigenza di rispondere a semplici domande come “…da cosa derivi l’attrazione umana per soggetti ordinari come nature morte, vasi di fiori, paesaggi, interni domestici…?”. Un’esposizione che raccoglie il lavoro di dodici pittori nazionali e internazionali e che pone la semplicità del soggetto dipinto al centro di una ricerca più profonda. “Le Realtà Ordianarie” si presenta come un omaggio ad un linguaggio carico di storia ma che continua a vivere una freschezza comunicativa contemporanea, spaziando attraverso tutte le varie declinazioni formali, dalle più astratte alle più figurative.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parma, si indaga su un ‘cold case’ di 400 anni fa: l’autopsia sui resti del duca Alessandro Farnese potrebbe cambiare la storia

next
Articolo Successivo

Lo Scaffale dei Libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti da Kyto Aya agli scrittori in fuga vero Canada, Messico, e… Berlino

next