L’artista inglese Ann Veronica Janssens sovverte le regole percettive della Cappella di Santa Maria dei Carcerati; in forte connessione con l’architettura medioevale assegnatagli, colloca un’installazione fatta di specchi circolari con cui ribalta la visione degli ornamenti del soffitto, immergendo l’osservatore in un gioco di riflessi e moltiplicazioni di dettagli. L’intervento site- specific, a cura di Chiara Bertola e in collaborazione con la Galleria Studio G7 e Galleria Alfonso Artiaco, entra in correlazione anche con un’altra decorazione, quella del collega coevo David Tremlett, che nel 2003 realizzò per lo stesso spazio un wall-drawing dal titolo “A new Light”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parma, si indaga su un ‘cold case’ di 400 anni fa: l’autopsia sui resti del duca Alessandro Farnese potrebbe cambiare la storia

next
Articolo Successivo

Lo Scaffale dei Libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti da Kyto Aya agli scrittori in fuga vero Canada, Messico, e… Berlino

next