L’associazione KAPPA-NöUN dedica la mostra “Another Stone” all’ultimo vincitore del Leone d’Oro della Biennale di Arti Visive di Venezia. La personale celebra lo stretto rapporto che unisce l’artista americano alla pietra naturale, media che lo ha accompagna sin da quando, detenuto nel carcere di Yokohama, spaccava massi per scontare la sua pena. In mostra opere dall’estetica primigenia, costruzioni complesse ottenute tramite l’utilizzo di elementi poveri, capaci di narrare con poesia e sagacia storie dell’esistenza umana. L’artista avrebbe dovuto eseguire ad Arte Fiera la performance “Smashing”, in cui seduto ad una scrivania riduce in pezzi ogni oggetto fornitogli dai visitatori; impossibilitato per motivi di salute sarà proiettato un video della stessa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parma, si indaga su un ‘cold case’ di 400 anni fa: l’autopsia sui resti del duca Alessandro Farnese potrebbe cambiare la storia

next
Articolo Successivo

Lo Scaffale dei Libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti da Kyto Aya agli scrittori in fuga vero Canada, Messico, e… Berlino

next