Il Parlamento, nel 2019, ha vissuto un anno particolarmente intenso per via, soprattutto, dei cambi di alleanze dovuti alla fine dell’esperienza del governo Conte 1, appoggiato da Lega e Movimento 5 stelle, e la nascita del Conte 2, sostenuto da M5s-Pd-Leu (con la distinzione, in un secondo momento, del nuovo gruppo di Italia Viva). Con l’ovvia conseguenza – alimentata da un linguaggio che sempre più spesso dimentica di accompagnarsi al necessario decoro istituzionale – di scambi di accuse e attacchi che in certi casi hanno travalicato il merito politico. Da sottolineare le fasi salienti dell’anno che si sta per concludere: il famoso discorso di dimissioni di Giuseppe Conte in Senato rivolto all’ormai ex compagno di avventura, l’allora ministro dell’Interno e vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini; la maglietta, esibita in Aula, con la scritta “parliamo di Bibbiano” della senatrice Lucia Borgonzoni (candidata alla presidenza dell’Emilia-Romagna); l’ovazione di parte di Palazzo Madama dopo il via libera alla commissione Segre alla senatrice a vita, con i parlamentari di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia che rifiutano di unirsi agli applausi; fino agli scontri, più recenti, sul fondo salva-Stati e sulla cannabis light.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, Emiliano: “Lega vuole riprendersi la Regione? La Puglia è come il mare, è libera”

next
Articolo Successivo

Restituzioni M5s, 18 parlamentari morosi da inizio anno. Giarrusso: “Accantono le somme per pagare le spese dei processi”

next