“Ringrazio il ministro Fioramonti per l’operato. Abbiamo la necessità, l’ho già detto, di rilanciare il comparto della università. Non è vero che non abbiamo compiuto passi avanti: abbiamo introdotto l’Agenzia nazionale delle Ricerche”, così il premier Giuseppe Conte commenta le dimissioni del ministro dell’Istruzione, durante la conferenza stampa di fine anno. E poi annuncia: “Sono convinto che la cosa migliore per potenziare la nostra azione sia separare il comparto scuola da quello della Ricerca e dell’Università. Quindi creerò un nuovo ministero. I nomi? Ho pensato alla sottosegretaria Azzolina come ministra della Scuola, e il presidente della Crui, Gaetano Manfredi come ministro per l’Università e la ricerca”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte, conferenza stampa di fine anno: “Obiettivo è ridurre pressione fiscale con lotta all’evasione: è un furto che svantaggia gli onesti”

next
Articolo Successivo

Le Sardine hanno un solo modo per cambiare la politica (e la sinistra): iscriversi in massa al Pd

next