“Ringrazio il ministro Fioramonti per l’operato. Abbiamo la necessità, l’ho già detto, di rilanciare il comparto della università. Non è vero che non abbiamo compiuto passi avanti: abbiamo introdotto l’Agenzia nazionale delle Ricerche”, così il premier Giuseppe Conte commenta le dimissioni del ministro dell’Istruzione, durante la conferenza stampa di fine anno. E poi annuncia: “Sono convinto che la cosa migliore per potenziare la nostra azione sia separare il comparto scuola da quello della Ricerca e dell’Università. Quindi creerò un nuovo ministero. I nomi? Ho pensato alla sottosegretaria Azzolina come ministra della Scuola, e il presidente della Crui, Gaetano Manfredi come ministro per l’Università e la ricerca”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte, conferenza stampa di fine anno: “Obiettivo è ridurre pressione fiscale con lotta all’evasione: è un furto che svantaggia gli onesti”

next
Articolo Successivo

Le Sardine hanno un solo modo per cambiare la politica (e la sinistra): iscriversi in massa al Pd

next