Una bambina di Taranto ha scritto: “Vergognatevi per tutto quello che ha fatto l’Ilva, gli altri bambini stanno in ospedale per colpa dell’Ilva brutta. Ecco perché dovete vergognarvi tanto”. Sua mamma: ”Mi ha detto: da grande voglio fare la pediatra per aiutare i bimbi di Taranto”.

Ammalarsi per produrre perdite

I bambini di Taranto pagano un prezzo altissimo: +54% di tumori infantili rispetto al dato regionale, come attesta lo studio Sentieri. E le loro storie sono drammaticamente vere. Si potrebbe pensare che questo tributo di sofferenza è il prezzo da pagare sull’altare del profitto. E invece no. Tutto questo dolore ha come corrispondente una perdita di 1,9 milioni di euro al giorno perché l’Ilva – anche quella gestita da ArcelorMittal – non riesce a produrre profitti.

L’Ilva di Taranto sembra essere l’incarnazione della Terza Legge della Stupidità: ”Una persona stupida è chi causa un danno a un’altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita”.

Quanti F-35 per salvare gli operai Ilva?

È bene sapere che nove miliardi che potevano servire a salvare Taranto sono stati impiegati per l’acquisto dei nuovi F-35. Un modo per fermare quel progetto era quello di mettere al centro non vaghe promesse di Green New Deal, ma il vero cuore, il vero laboratorio del Green New Deal: la riconversione dell’Ilva di Taranto. Ed eccoci qua, con i 9 miliardi di euro per i nuovi F-35 appena riconfermati in sede parlamentare e con i prossimi 50 miliardi di euro per i futuri costi connessi al progetto.

Quei miliardi destinati agli F-35 potevano fare della riconversione dell’Ilva di Taranto e della bonifica dei Sin nazionali un laboratorio. E invece diventano la prosecuzione delle vecchie logiche militari.

I bambini di Taranto, una questione morale

E adesso Arcelor Mittal detta le sue condizioni: 2900 licenziamenti subito e 4700 nei prossimi anni. Tutto questo – scusate l’autocitazione – l’avevo previsto nell’agosto del 2018 facendo dei banali calcoli di raffronto fra la produttività dello stabilimento di Taranto e quello di Gent (gestito da ArcelorMittal). Avevo previsto la “Caporetto dei lavoratori” più di un anno fa ed è quello che sta accadendo adesso.

Il fallimento

Siamo di fronte al fallimento di una politica che non ha salvato né i bambini di Taranto né i lavoratori dell’Ilva. Concludo riportandovi un messaggio Whatsapp che ho appena ricevuto da un lavoratore Ilva. È uno sfogo amaro di uno degli operai in Amministrazioni straordinaria (As). Uno di quelli che non è rientrato a lavorare in fabbrica perché non ricompreso nell’accordo sindacale di un anno fa, firmato da ArcelorMittal con i sindacati davanti a un sorridente Luigi Di Maio, allora ministro del Mise:

“Onestamente – scrive questo operaio – sono contento di quello che si sta prospettando per i miei ex colleghi ArcelorMittal (tranne qualcuno che ha lottato al nostro fianco subendo tra l’altro anche licenziamenti e rapporti disciplinari) ma tra gli eletti e quelli che entravano cu a cap sott (con il capo chinato, nda) quando c’era sciopero, li voglio vedere quando saranno messi fuori come noi. Sarete tanti, carissimi ex colleghi, a diventare anche voi esuberi. Purtroppo il vostro servilismo, accompagnato da vigliaccheria, non servirà più a nulla. Sarete esuberi e indesiderati come voi avete considerato gli As. E tenetevi strette strette le vostre tessere confederali con la vana speranza di un ripescaggio. Buonasera a tutti. Scusate lo sfogo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il trasporto merci su ferrovie moltiplica i Tir ed è antieconomico. Alla faccia del green

next
Articolo Successivo

Cop 25, dentro l’igloo che riproduce l’inquinamento delle città: l’effetto è incredibile

next