La sensazione di entrare in una nuvola di smog. È l’effetto di Pollution Pods, l’installazione ideata dall’artista britannico Michael Pinsky in occasione della Cop25, la conferenza delle Nazioni Unite sul clima, che riproduce, all’interno di cupole geodetiche, l’inquinamento e la qualità dell’aria di alcune grandi città.

Attraversando gli ambienti si può passare per Pechino, Londra, Nuova Delhi o San Paolo. Ma anche provare la realtà di Tautra, in Norvegia, al contrario uno tra gli ambienti più incontaminati della terra. A provarlo, a Madrid, anche Teresa Ribera, ministro della Transizione ecologica della Spagna, e Maria Neira, direttore del Dipartimento di sanità pubblica e ambiente dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). L’espressione al momento dell’ingresso è eloquente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ilva non produce come prima e la gente continua ad ammalarsi. Questa è una Caporetto politica

next
Articolo Successivo

Clima, “chiudete gli occhi e visualizzate il volto dei vostri bambini”. L’appello dei genitori al Cop25

next