“Sapevamo che Stefano era stato ucciso, ora potrà riposare in pace“. Queste le prime parole della sorella di Cucchi, Ilaria, dopo il verdetto che ha condannato Di Bernardo e D’Alessandro, i due carabinieri autori del pestaggio. “A mio fratello avevamo fatto una promessa. Oggi l’abbiamo mantenuta – ha continuato – Ci è costato tanto, dieci anni difficilissimi, siamo caduti tante volte ma siamo arrivati fin qui e questo è quello che conta”. Commossi anche la madre e il padre di Stefano Cucchi.

“Fabio, ce l’abbiamo fatta!”, si è rivolta così la stessa madre di Stefano al legale della famiglia, Fabio Anselmo, pochi minuti dopo la sentenza di condanna. E ancora: “Noi non avremmo mai mollato, questo è il primo grado, andremo avanti finché tutto non sarà finito“. “Una risposta anche alle cattiverie di certa politica? Qualcuno dovrebbe chiedere scusa, ma avrebbe dovuto farlo già da tempo, non c’era bisogno di questo verdetto. Lo sapevamo tutti che Stefano era stato picchiato”, ha concluso il legale Anselmo. Da Cucchi un pensiero anche per Casamassima: “Oggi era al nostro fianco, il nostro pensiero va a lui e alla moglie Rosati“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cucchi, carabiniere commosso fa il baciamano alla sorella Ilaria: “Finalmente giustizia. Mi sento in colpa per tutta l’Arma”

next
Articolo Successivo

Cucchi, la lettura della sentenza: condannati a 12 anni i due carabinieri autori del pestaggio. La commozione di Ilaria e della madre Rita

next