“Sapevamo che Stefano era stato ucciso, ora potrà riposare in pace“. Queste le prime parole della sorella di Cucchi, Ilaria, dopo il verdetto che ha condannato Di Bernardo e D’Alessandro, i due carabinieri autori del pestaggio. “A mio fratello avevamo fatto una promessa. Oggi l’abbiamo mantenuta – ha continuato – Ci è costato tanto, dieci anni difficilissimi, siamo caduti tante volte ma siamo arrivati fin qui e questo è quello che conta”. Commossi anche la madre e il padre di Stefano Cucchi.

“Fabio, ce l’abbiamo fatta!”, si è rivolta così la stessa madre di Stefano al legale della famiglia, Fabio Anselmo, pochi minuti dopo la sentenza di condanna. E ancora: “Noi non avremmo mai mollato, questo è il primo grado, andremo avanti finché tutto non sarà finito“. “Una risposta anche alle cattiverie di certa politica? Qualcuno dovrebbe chiedere scusa, ma avrebbe dovuto farlo già da tempo, non c’era bisogno di questo verdetto. Lo sapevamo tutti che Stefano era stato picchiato”, ha concluso il legale Anselmo. Da Cucchi un pensiero anche per Casamassima: “Oggi era al nostro fianco, il nostro pensiero va a lui e alla moglie Rosati“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cucchi, carabiniere commosso fa il baciamano alla sorella Ilaria: “Finalmente giustizia. Mi sento in colpa per tutta l’Arma”

prev
Articolo Successivo

Cucchi, la lettura della sentenza: condannati a 12 anni i due carabinieri autori del pestaggio. La commozione di Ilaria e della madre Rita

next