Ho conosciuto Liliana Segre nel 2009, quando l’Università di Trieste decise di conferirle la laurea honoris causa in giurisprudenza e conferì a me un altro onore, quello di tenere la laudatio, il discorso in lode della candidata. Trieste è anche la città dove Mussolini, dinanzi a una folla plaudente, annunciò le leggi razziali che poi portarono ad Auschwitz lei e migliaia di altri ebrei che non sono più tornati. Nel video, che è ancora in rete, dissi che né lei né io avevamo mai creduto al mito degli italiani brava gente. Oggi aggiungerei solo che siamo esseri umani, e che anche gli umani, come tutti gli animali, odiano.

Perché odiamo? La ragione è banale: la selezione naturale, il meccanismo principale dell’evoluzione. Siamo gli eredi degli scimmioni cattivi che hanno conquistato e devastato il pianeta. Gli uomini di Neanderthal erano meno cattivi e intelligenti di Homo sapiens, che li ha sterminati tutti. Insomma, i buoni, quelli che porgevano l’altra guancia, sono tutti morti. Ma questo vuol forse dire che l’odio, la violenza, il razzismo sono nel nostro Dna e non ci si può fare niente? Macché: siamo umani proprio perché siamo riusciti a distinguerci dai nostri avi scimmioni. Con qualche eccezione, certo.

In un libro che uscirà agli inizi del 2020 constato che i discorsi d’odio (hate speech), il razzismo, il neonazismo e altre amenità contemporanee hanno sì ragioni evolutive, ma sono moltiplicati, e a volte creati di sana pianta, da Internet. Ad esempio: quanti dei 200 messaggi d’odio che Liliana Segre riceve ogni giorno provengono da dementi in carne e ossa, e quanti, invece, sono prodotti da bot, troll e altri trucchi che ritwittano i tweet dei dementi di cui sopra?

Non lo so, ma è evidente che ci sono dei rimedi per tutto questo: rendere tracciabili i tweet, risalire agli odiatori professionali, chiudere i bot, sciogliere Forza Nuova… I bot si trasferiranno altrove, le teste rasate prenderanno altre sigle? Pazienza. Noi avremo fatto il nostro dovere.

E qui viene la mia proposta, umana anch’essa e quindi suscettibile di essere equivocata. Suppongo che fosse un dovere, per il Prefetto di Milano, dare la scorta a Liliana Segre: se non l’avesse fatto si sarebbe assunto le stesse responsabilità, giuridiche e morali, che si assunse il ministro degli Interni quando la tolse a Marco Biagi. Eppure è un provvedimento ipocrita: non facciamo niente contro l’odio in rete, non sciogliamo Forza Nuova, ma diamo una scorta a Liliana Segre.

Allora mi rivolgo direttamente a lei, con l’unica autorità che mi dà quell’incontro di dieci anni fa. Senatrice, ha 90 anni ed è stata ad Auschwitz: di cosa può avere ancora paura? Dia un altro schiaffo agli odiatori di professione, mostri che le loro minacce non le fanno né caldo né freddo. Se può, rifiuti la scorta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, continuano le fake news. Ma io dico che è una misura di civiltà

prev
Articolo Successivo

Scorta a Segre, Salvini: “Minacce gravissime come quelle che ricevo io”. Ma in serata cambia atteggiamento: “Tutta la mia vicinanza”

next