Associazione di tipo mafioso e traffico internazionale di stupefacenti, con l’aggravante delle finalità mafiose. Sono queste le accuse per cui 400 carabinieri del Comando Provinciale di Torino stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del tribunale torinese su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 65 appartenenti o contigui alle locali di ‘ndrangheta di Volpiano e San Giusto Canavese, in provincia di Torino. Le misure sono state eseguite, oltre che nel capoluogo torinese e nel suo hinterland, anche a Reggio Calabria, Milano e Catania.

Contestualmente la gdf di Torino sta procedendo alla notifica del medesimo provvedimento per ulteriori 6 indagati, ritenuti responsabili, nell’ambito della medesima associazione, anche di riciclaggio e trasferimento fraudolento di valori. Sottoposti a sequestro beni mobili ed immobili, nonché conti correnti e quote societarie per un valore in corso di quantificazione. Tra i destinatari dei provvedimenti notificati in queste ore dai carabinieri c’è anche Pierfranco Bertolino, noto penalista torinese. Per l’avvocato, accusato di favoreggiamento personale, il gip Luca Fidelio ha disposto il divieto temporaneo di sei mesi dell’esercito dell’attività. Secondo le accuse, il legale, già coinvolto in una vicenda di presunti favori nella Procura di Torino, avrebbe svelato ad alcuni suoi clienti notizie riservate su indagini ed intercettazioni in corso.

A quanto si apprende, nel corso delle indagini che hanno portato questa mattina all’esecuzione di 70 misure cautelari, 64 eseguite dai carabinieri e 6 dalla Guardia di Finanza, e al sequestro di beni mobili e immobili, quote societarie e conti contenti sarebbero stati sequestrati anche 80 chili di droga. Ulteriori particolari saranno resi noti alle 10.30 nel corso di una conferenza stampa al Palagiustizia di Torino alla presenza del procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero de Raho.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Ndrangheta, trovate in un garage a Reggio Calabria armi da guerra ed esplosivo. Anche cocaina con il simbolo della massoneria

prev
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, il padre contro il figlio che collabora con i magistrati: “Sto bastardazzo ha voluto rovinarci”

next