“La cosiddetta Plastic tax è prima di tutto una tassa che aiuta finalmente l’Italia a convertire la propria produzione e a inquinare di meno. Dopo tanti anni in cui si è parlato dell’effetto della plastica nei mari e sull’inquinamento mondiale, l’Italia ha deciso di cominciare una conversione veloce del proprio sistema produttivo. E come lo fai? Con la fiscalità”. Così il ministro degli Affari esteri, Luigi Di Maio, da Shanghai parlando di Plastic tax. “È chiaro che da una parte tassi i prodotti con più inquinanti, dall’altra con quei proventi devi aiutare le aziende a convertire la propria produzione”, ha aggiunto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Umbria, Bianconi e Fora già lasciano Pd-M5s e lanciano un nuovo movimento autonomo. Caos tra i democratici dopo la sconfitta al voto

prev
Articolo Successivo

In Italia ci sono due destre tra loro incompatibili. Peccato che la ‘buona destra’ in politica ancora non esista

next