Salgono i tagli alla spesa pubblica improduttiva e si delineano i contorni delle altre entrate, come la web tax e la tassa sulla plastica“. Sono le parole del ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, intervistato a “Effetto Giorno” (Radio24) sui dettagli della manovra approvata stanotte e sulle relative coperture.

Boccia conferma che non ci sarà il superticket, ribadisce la presenza del taglio del cuneo fiscale ammontante a 3 miliardi e l’esistenza di un Fondo Famiglia da 600 milioni di euro. E spiega: “I tagli alla spesa pubblica improduttiva sono cresciuti (rispetto alle bozze di manovra della vigilia, ndr) e ammontano a 2,7 miliardi di euro. Nuove entrate sono garantite anche dalla tassa sulla plastica da 800 milioni, ma che a regime salirà fino a 1,4 miliardi, e dalla web tax che, pur non essendo la versione strong da me portata avanti in questi anni, dovrebbe incassare fino a 700 milioni di euro“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ex Ilva, la maggioranza alle prese con il ‘no’ di 17 senatori M5s al nuovo scudo penale: rinviato di 6 giorni l’esame del decreto Salva-Imprese

prev
Articolo Successivo

Borghi a Conte: “Di chi fa gli interessi? Con noi diceva sempre ‘sì’, poi arrivavano le sorprese”

next