Dopo la denuncia dello scorso settembre di un sito illegale di stoccaggio di rifiuti di plastica in Turchia, una nuova indagine dell’Unità investigativa di Greenpeace Italia ha accertato l’abbandono di un centinaio di balle, almeno in parte provenienti dalla raccolta differenziata di rifiuti urbani italiani, in un’area industriale di Gliwice, in Polonia. Nelle balle di rifiuti plastici si vedono, infatti, etichette di noti prodotti italiani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo scorretto smaltimento dei rifiuti industriali continua ad avvelenarci. Serve la tracciabilità!

next
Articolo Successivo

Polonia, cento balle di rifiuti di plastica abbandonate in area industriale: una parte proviene dalla raccolta differenziata italiana

next