Maati Monjib, docente universitario, e Abdessadak El Bouchattaoui, avvocato. Sono le ultime due vittime del software”Pegasus”, prodotto dall’azienda israeliana Nso Group.“Pegasus” s’installa cliccando su un link contenuto in un messaggio ricevuto sul proprio smartphone e prende il controllo pressoché completo della fotocamera, del microfono e della lista dei contatti.

Monjib, cofondatore dell’Ong “Freedom Now” per i diritti degli scrittori e dei giornalisti e dell’Associazione marocchina per il giornalismo investigativo, è sotto inchiesta dal 2015 per “minaccia alla sicurezza interna dello stato” e “propaganda che può mettere a rischio la lealtà dei cittadini verso lo stato e le sue istituzioni”, solo per aver promosso presso i media-attivisti locali un’app giudicata sicura rispetto a violazioni della privacy. Rischia fino a cinque anni di carcere.

El Bouchattaoui, che attualmente vive in Francia dove ha ottenuto asilo politico, è stato condannato in primo grado, nel febbraio 2017, a 20 mesi di carcere per aver criticato sui social media la repressione delle proteste del movimento Hirak El-Rif.

Prima di Monjib ed El Bouchattaoui, erano stati spiati almeno 24 difensori dei diritti umani e giornalisti in Messico, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita (tra cui, si sospetta, anche Jamal Khashoggi) e pure un ricercatore di Amnesty International. A maggio, Amnesty International si è associata a un’azione legale nei confronti del ministero della Difesa israeliano per chiedere la revoca della licenza di esportazione a Nso Group.

Nso Group afferma che la sua tecnologia è usata solo per scopi leciti come il contrasto alla criminalità e al terrorismo. L’azienda ha recentemente pubblicato una sua policy sui diritti umani e sostiene (lo ha ribadito anche in occasione della denuncia riguardante i due attivisti marocchini) di aver posto in essere meccanismi per indagare sul cattivo uso della sua tecnologia.

Resta il fatto che ripetutamente i suoi prodotti finiscono nelle mani di governi che violano i diritti umani e vengono usati per spiare coloro che li promuovono e difendono.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Polonia: vincono i conservatori nazionalisti di Kaczynski. Hanno la maggioranza assoluta dei seggi

next
Articolo Successivo

Giappone, aumenta il numero delle vittime del tifone Hagibis: 42 morti e 38mila sfollati

next