Il mondo si divide sull’assegnazione del premio Nobel per la Letteratura assegnato a Peter Handke. Le Madri di Srebrenica chiederanno il ritiro del riconoscimento dato allo scrittore austriaco, accusato di aver appoggiato i crimini di Slobodan Milosevic, Radovan Karadzic e Ratko Mladic: “Un uomo che ha difeso i carnefici delle guerre balcaniche non può ricevere un tale riconoscimento”, ha detto Munira Subasic, presidente dell’associazione che riunisce le madri delle vittime della strage.

L’autore è notoriamente filo-serbo: i bosniaci lo accusano di negare i crimini compiuti dai serbi nelle guerre dell’ex Jugoslavia. Sefik Dzaferovic, il componente bosgnacco musulmano della presidenza tripartita bosniaca, si è associato alle critiche definendo l’assegnazione “scandalosa e vergognosa”. Proteste arrivano anche da oltreoceano, con la condanna da parte dell’organizzazione no profit PEN America, impegnata a difendere la libera espressione negli Stati Uniti e nel mondo attraverso il progresso della letteratura e dei diritti umani. Contro Handke anche una petizione sulla piattaforma Change.org., che chiede il ritiro del premio.

Tutt’altro clima invece fra i serbi di Bosnia e a Belgrado, dove si susseguono da ieri auguri e congratulazioni. Il leader serbo-bosniaco Milorad Dodik, che è attualmente il componente serbo della presidenza collegiale bosniaca, ha inviato un messaggio di auguri a Peter Handke. Secondo la sua opinione, lo scrittore austriaco è colui che “quando tanti nel mondo tacevano, si è opposto apertamente ai bombardamenti Nato contro i serbi in Serbia e in Bosnia-Erzegovina”. Grande soddisfazione e congratulazioni sono state espresse a Belgrado, tra gli altri, dal ministro della cultura serbo Vladan Vukosavljevic, dal ministro della difesa Aleksandar Vulin e dal sindaco di Belgrado Zoran Radojicic.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nobel per la Letteratura, Marco Malvaldi a FqMagazine: “Capita raramente che si ricordino di darlo per meriti di scrittura”

next
Articolo Successivo

Nobel per la Letteratura a Peter Handke, il difensore del diavolo non si è mai ravveduto. Una coerenza spregevole

next