La Cassazione ha confermato l’assoluzione di tutti gli imputati nell’ambito del processo per le morti provocate dall’esposizione all’amianto negli stabilimenti Olivetti. Non accolta quindi la richiesta del pg Ciro Angelillis di rinviare il processo alle Sezioni unite. “Spesso la giurisprudenza chiama ma la scienza non risponde” aveva detto il rappresentante dell’accusa. Il sostituto procuratore generale aveva posto come tema centrale quello della casualità tra l’esposizione alle fonti di pericolo e lo sviluppo della malattia. “Il rapporto di casualità deve essere spiegato – aveva detto il pg – in termini di certezza e se questo non è possibile con la ragionevolezza delle argomentazioni”.

In subordine il pg aveva chiesto di annullare con rinvio la sentenza d’Appello del processo in cui sono imputati undici persone tra cui i fratelli Carlo e Franco De Benedetti e Corrado Passera.

La Corte d’appello di Torino lo scorso 18 aprile 2018 aveva assolto perché il fatto non sussiste tutti gli imputati nel processo accusati di lesioni colpose e omicidio colposo. La sentenza di secondo grado aveva ribaltato quella pronunciata nel 2016 dal tribunale di Ivrea che aveva condannato 13 persone nell’ambito del processo per le morti alcuni dipendenti Olivetti che tra il 2008 e il 2013 si erano ammalati o erano deceduti per il contatto con sostanze nocive sul luogo di lavoro.
Tra le condanne più pesanti in primo grado c’erano quelle a Carlo De Benedetti e al fratello Franco Debenedetti, entrambi condannati 5 anni e 2 mesi, e a Corrado Passera, 1 anno e 11 mesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, intercettazioni inutilizzabili: il gup assolve e scarcera 14 imputati. La Dda aveva chiesto pene fino a 20 anni

next
Articolo Successivo

Ergastolo ostativo, il ricorso del boss che fece decapitare il suo nemico: ecco come nasce la sentenza di Strasburgo sul fine pena mai

next