Uno sciopero di otto ore con una manifestazione nazionale a Roma, col corteo che ha portato al Mise una lavatrice, inscenando un finto funerale. I lavoratori Whirlpool hanno protestato contro la decisione dell’azienda di avviare la procedura di cessione dello stabilimento di Napoli, dove lavorano 410 persone. Una scelta che i sindacati hanno definito “in aperta violazione dell’accordo siglato a ottobre 2018”. Quello di oggi è il secondo sciopero di otto ore nell’arco di due settimane (i lavoratori hanno già incrociato le braccia il 25 settembre in tutti gli stabilimenti Whirlpool in Italia). Coi lavoratori anche i segretari generali di Fiom, Fim e Uilm, Francesca Re David, Marco Bentivogli e Rocco Palombella, e il numero uno della Cgil, Maurizio Landini: “Non siamo disponibili a gestire chiusure di stabilimenti e licenziamenti. È necessario che le decisioni prese dall’azienda siano sospese e venga riaperta una trattativa vera. C’è un accordo e va rispettato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Whirlpool, sciopero per la cessione del sito di Napoli: si fermano tutti gli stabilimenti italiani. A Roma manifestano oltre 1000 operai

prev
Articolo Successivo

Rider, governo trova accordo: no al cottimo, stesse garanzie dei subordinati per fattorini a tempo pieno e tutele per occasionali

next