I lavoratori di Embraco (ora Ventures Production) si sono riuniti per manifestare davanti alla sede del Mise per chiedere chiarezza sulla situazione dell’azienda. Tra loro anche l’ex ministro allo Sviluppo economico Carlo Calenda, che ha detto: “La strada è sbagliata. Era stato istituito un fondo proprio per trovare un investitore in caso di emergenza, mettendoci un contratto di sviluppo. Io da un anno continuo a dire che il fondo deve intervenire. Poi, va fatto reinserire il fondo anti delocalizzazioni e Invitalia deve rilevare l’azienda. Il resto è tempo sprecato”. L’eurodeputato, eletto col Pd, viene però più volte interrotto e contestato dai lavoratori presenti: “È colpa tua se siamo qui, hai 409 lavoratori sulla coscienza“. Calenda risponde: “Senza di me eravate tutti licenziati”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito cittadinanza, da venerdì i beneficiari che hanno fatto domanda a marzo devono fare l’integrazione per non perdere il sussidio

next
Articolo Successivo

Whirlpool, sciopero per la cessione del sito di Napoli: si fermano tutti gli stabilimenti italiani. A Roma manifestano oltre 1000 operai

next