I lavoratori di Embraco (ora Ventures Production) si sono riuniti per manifestare davanti alla sede del Mise per chiedere chiarezza sulla situazione dell’azienda. Tra loro anche l’ex ministro allo Sviluppo economico Carlo Calenda, che ha detto: “La strada è sbagliata. Era stato istituito un fondo proprio per trovare un investitore in caso di emergenza, mettendoci un contratto di sviluppo. Io da un anno continuo a dire che il fondo deve intervenire. Poi, va fatto reinserire il fondo anti delocalizzazioni e Invitalia deve rilevare l’azienda. Il resto è tempo sprecato”. L’eurodeputato, eletto col Pd, viene però più volte interrotto e contestato dai lavoratori presenti: “È colpa tua se siamo qui, hai 409 lavoratori sulla coscienza“. Calenda risponde: “Senza di me eravate tutti licenziati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reddito cittadinanza, da venerdì i beneficiari che hanno fatto domanda a marzo devono fare l’integrazione per non perdere il sussidio

prev
Articolo Successivo

Whirlpool, sciopero per la cessione del sito di Napoli: si fermano tutti gli stabilimenti italiani. A Roma manifestano oltre 1000 operai

next