Fra la posta del Municipio ha trovato anche una busta contenente un proiettile, senza mittente. È successo ad Alfredo Fantone, sindaco di Oncino, piccolo Comune dell’alta Valle Po nel Cuneese. Un atto intimidatorio di cui sono state subito informate le forze dell’ordine, al momento sulle tracce del responsabile. A Fantone è subito arrivata la solidarietà da parte di Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente dell’Anci, Associazione Nazionale Comuni Italiani: “L’esperienza di essere esposti alle minacce di chiunque, siano essi criminali o mitomani, di essere vulnerabili nel proprio ruolo di amministratori locali, è purtroppo l’ultima di una lunga serie di intimidazioni che colpiscono quasi quotidianamente tanti sindaci, di ogni orientamento politico, a qualsiasi latitudine”. Continua Decaro: “Sono obbligato a invocare ancora una volta l’attenzione di tutti i livelli dello Stato alla particolare condizione dei primi cittadini: siamo responsabili di quasi tutto e siamo spesso privi di strumenti di difesa. Una condizione che è ancora più acuta e pericolosa quando, come nel caso di Fantone, si amministra un piccolo o piccolissimo Comune”. Il presidente Anci ha sottolineato l’importanza della solidarietà e del senso di comunità alimentato dai cittadini, precisando però che “Se quello delle minacce ai sindaci è diventato un fenomeno, se gli episodi sono tanto frequenti, credo sia arrivato il tempo di esigere che si diano risposte anche a livello normativo”.

Gli fa eco Marco Bussone, presidente Uncem (Unione nazionale comuni comunità enti montani) “Nessuno deve svilire, attaccare, mettere in scacco, minacciare la persona e il ruolo di sindaco, comprometterne autorevolezza e missione. Siamo tutti uniti nel condannare quanto successo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, da Ama a Roma Metropolitane fino ad Atac: sarà sciopero generale. I sindacati: “L’assessore Lemmetti è latitante, si dimetta”

next
Articolo Successivo

Mantova: “Cimitero ebraico sta per essere profanato”. Accuse di razzismo dal direttore del comitato per la preservazione in Europa

next