di Sandy Fiabane

A ogni dibattito c’è sempre qualche webete (grazie Mentana) che commenta “non sono questi i problemi dell’itaGlia”. Sì, sottolinea volutamente l’errore, a petto gonfio, pieno di stima per la propria originalità.

La sentenza della Consulta sul processo a Marco Cappato è definibile solo come “di civiltà”. Non è progresso, perché siamo proprio indietro anni luce dal progresso in tema di bioetica in questo Paese – lo stesso Paese, per inciso, nel quale buona parte della rappresentanza politica appoggia manifestazioni con i feti di gomma. Così, per dire.

Si tratta di un traguardo che, oltretutto, ha sottilmente ironizzato su un Parlamento cuor di leone incapace di prendere atto di situazioni concrete, reali, che necessitano di interventi urgenti, pur di non colpire la sensibilità di una parte dell’opinione pubblica. Anche se questa cosa della sensibilità fatico a capirla, perché qualsiasi provvedimento susciterà sempre una reazione contraria: mica possiamo bloccarci.

Tuttavia, stupisce come tra i pro e i contro ci siano anche gli illuminati che considerano le questioni etiche – e sì, spesso anche quelle ambientali – come secondarie. Mi spiego: non è che se il nostro Parlamento si decidesse a guadagnarsi lo stipendio legiferando anche su certi temi non avrebbe il tempo per fare altro. L’ItaGlia non ha questi problemi, è vero: quella rimane su porti chiusi e lotta al reddito di cittadinanza, perché incentiva a bivaccare sul divano.

L’Italia vera invece si occupa di tutti, di voci troppo spesso silenziose che chiedono aiuto. Sono voci che potrebbero essere di ognuno di noi, ma l’ignoranza vuole che non ci si preoccupi mai di ciò che non ci riguarda direttamente.

Sembra un po’ la polemica relativa alla tassa sulle merendine, non troppo lontana da quella contro il centesimo per il sacchetto della frutta al supermercato. Certo, non è una tassa che aiuta l’ambiente, specie se dall’altra parte sosteniamo oscenità come il Tav. O gli assurdi e fuori luogo paragoni che spuntano nella rete tra Greta a New York che accusa i potenti in faccia di averle rubato l’infanzia e i bambini dall’altra parte del mondo sfruttati nel lavoro minorile: davvero? Cioè, siete davvero disposti a cadere così in basso? Pazienza le teorie complottiste su non meglio specificati poteri forti che manipolano le coscienze, ma magari prima di sparare a zero controllate dove si fabbricano i vestiti che indossate. Così, per dire.

Siamo talmente concentrati sulla propaganda che sembriamo non renderci conto delle battaglie necessarie (e ce ne sarebbero ovviamente molte altre). Stiamo parlando di costruire un futuro migliore, nel quale le generazioni future possano decidere liberamente: per il proprio corpo e per l’aria che respireranno. Sarebbe ora che iniziassimo, tutti, a guardare (e giudicare) su una prospettiva a lungo termine, perché gli slogan con effetto immediato svaniscono rapidamente come sono arrivati.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sondaggi, Pd-M5s: col governo è gara in retro. Ma a sorpresa la stima per il governo aumenta. Fratelli d’Italia vola al 9 (rubando alla Lega)

next
Articolo Successivo

Italia Viva, Boschi contro la tassa sulle merendine: “Non condivido. Meglio insegnare ai ragazzi di mangiare sano”

next