Un bambino di nemmeno due anni, figlio di una coppia di vegani, è ricoverato all’ospedale San Francesco di Nuoro per un avanzato stato di denutrizione. Il piccolo era arrivato in ospedale i giorni scorsi in gravi condizioni: debole e magrissimo. Le sue condizioni, seppur in miglioramento, restano gravi, ma non è in pericolo di vita.

Le prime analisi ematologiche, effettuate appena il bambino è arrivato in ospedale, escludono malattie. La diagnosi, però, resta la denutrizione. Da capire ancora se le sue condizioni siano da ricondurre a una particolare dieta o a un fattore genetico. Al momento il bambino è ricoverato nel reparto di pediatria e sottoposto a cure mediche giorno e notte. Al suo fianco ci sono i genitori che si sarebbero giustificati con i medici così: “Noi siamo vegani e lo è anche lui“.

I medici hanno fatto sapere che, appena le condizioni del bambino lo consentiranno, prepareranno un piano alimentare congruo allo sviluppo del minore. Una nuova alimentazione che coinvolgerà anche i genitori. Intanto, l’ospedale sta valutando se sporgere denuncia formale su quanto accaduto, anche se la coppia, che ha un altro figlio più grande, starebbe collaborando bene con i medici che hanno in cura il piccolo.

Non è la prima volta che diete vegane, seguite dai genitori e somministrate anche ai figli piccoli, portino a malori e quindi al ricovero in ospedale. A fine agosto del 2016 a Milano un bimbo di 15 mesi era stato ricoverato per denutrizione e per problemi cardiaci, aggravati dal suo stato di stress fisico. Pesava come un neonato di 3 mesi. Al termine delle cure in ospedale, per volontà del tribunale, era stato addirittura affidato al Comune e collocato dai nonni. Questi, infatti, da subito avevano espresso tutte le loro perplessità sul regime alimentare che figlia e genero avevano imposto al bambino. Un episodio simile era avvenuto qualche mese prima anche a Genova, dove Martina, un anno circa e con mamma vegana, era stata ricoverata per malnutrizione.

Foto di archivio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

San Gimignano, 15 agenti di polizia penitenziaria indagati per abusi e torture a un detenuto. Quattro sospesi

next
Articolo Successivo

Sarno, la montagna incendiata da sei ragazzini per “scherzo”. Il sindaco chiede “pene esemplari e severissime”

next