Pd e M5s? Questi se le sono date e se ne sono dette di tutti i colori fino al giorno prima: ‘Il partito di Bibbiano, mai con quelli’. E adesso stanno assieme. Il M5s dice di non essere né di destra, né di sinistra. Non mi riferisco assolutamente all’elettorato, che resta la parte migliore del Paese, ma ai dirigenti. Sono ‘Franza o Spagna purché se magna’, cioè pronti a fare qualunque giravolta. “. Sono le parole del segretario generale del Partito comunista, Marco Rizzo, intervistato dal giornalista Lanfranco Palazzolo per Radio Radicale.

E spiega: “I 5 Stelle avevano promesso cose in larga parte giuste, riguardanti gli F35, le spese militari, le concessioni autostradali. Ma dicono una cosa e poi fanno esattamente il contrario. Ricordo che Toninelli, dieci giorni prima della crisi di governo, ha dato le concessioni autostradali a Carlo Toto, che è il concessionario della autostrade abruzzesi. Dal punto di vista politico, questo è un governo dei poteri forti. Oggi Trump ha fatto l’endorsement per Conte. Bill Gates, che forse è più importante di Trump, ha fatto l’endorsement per il governo. E c’è anche Moscovici. Juncker ha detto una cosa gravissima, e cioè che faranno fare a Conte quello che hanno fatto fare a Tsipras – continua – come a dire che questi del governo sono marionette nelle mani di questi poteri. La signora Lagarde, presidente entrante della Bce e presidente uscente del Fmi, ha fatto una cosa ancora peggiore. Prima che fosse designato Gualtieri, lei ha dato l’indicazione su chi dovesse essere il ministro dell’Economia. Una volta almeno c’era una parvenza di accordo segreto e si poteva dire “quello è servo di…”, ma non c’erano le prove. Adesso, invece, le prove le esibiscono apertamente. Hanno un tale potere che possono essere addirittura strafottenti“.

Rizzo poi annuncia la protesta di piazza a Roma: “Questo è il governo più ostile ai lavoratori, motivo per cui, noi comunisti, faremo una grande manifestazione di popolo contro questo governo il 5 ottobre a Roma, in piazza dei Santi Apostoli. Ricordiamo che le cose peggiori per i lavoratori sono state fatte dalla sinistra. Quelli di sinistra che pensano che questo governo faccia schifo vengano con noi. D’Alema è favorevole a questo governo? Lui è stato con me nel Partito Comunista. Il problema è che qualcuno resta coerente, qualcun altro un po’ meno. Io ero comunista, sono rimasto comunista e sarò comunista. Qua c’è gente che addirittura pentita di essere comunista, come Fassino e Veltroni, che hanno detto di non essere mai stati comunisti. E chi erano allora? Chi li aveva messi lì? C’è davvero una idea di sinistra che rincorre le banche e i poteri forti. E’ la sinistra ZTL, è la sinistra che fa sì che la Lega faccia il pieno nei quartieri popolari”.

Il politico, infine, si sofferma sulle elezioni regionali umbre: “Sono certo che il M5s andrà col centrosinistra, ma, se l’impostazione è ‘Franza o Spagna, purché se magna’ è chiaro che sarà così. Quindi, tutte queste votazioni sono delle finzioni che peraltro, dal punto di vista democratico, hanno una scarsa forza. Noi candidiamo Rossano Rubicondi, che è un operaio. Era funzionario della Cgil. In Umbria c’è stato un grande scandalo nella sanità, “Concorsopoli”, che ha travolto il Pd. Questo nostro compagno ha detto: ‘Ma la Cgil non dice nulla su questo scandalo vergognoso?’. E la Cgil – conclude – ha pensato bene di “inquisirlo” nella sua magistratura interna. E lui li ha mandati a quel paese, è tornato in fabbrica e da sei mesi fa l’operaio. Noi lo abbiamo scelto volutamente, perché è un operaio. Un operaio con gli attributi. I sondaggi ci danno al 4%. Potremmo essere una sorpresa. Pare che molti stiano tremando. Bene che sia così.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Orban: “In Italia il governo si è separato dal popolo”, Di Maio: “Eviti inutili ingerenze”

next
Articolo Successivo

Fratelli d’Italia, Viktor Orban ad Atreju scherza su Giorgia Meloni: “In Ungheria sarebbe al centro”

next