“Sul tema Aspi c’è una procedura in corso. Abbiamo acquisito anche i nuovi elementi non solo relativi alle indagini ma anche elementi di analisi fatte da esperti e da chi nelle istituzioni è preposto a farlo. Quindi arriveremo alla fine della procedura senza sconti e scegliendo la soluzione migliore”.

Così la ministra dei Trasporti Paola De Micheli a margine dell’inaugurazione del 59esimo Salone Nautico di Genova risponde a chi gli chiedeva sulla revoca a Aspi delle concessioni autostradali. “La posizione del Governo è esattamente quella esposta da Conte in aula in parlamento – ha aggiunto – non dimentichiamo quello che è accaduto e saremo conseguentemente capaci sul piano istituzionale di fare seguito a quelle che sono le dichiarazioni che abbiamo fatto nella prima fase di insediamento del governo. Su tutte le altre concessioni autostradali – ha concluso – il Ministero provvederà alla procedura di revisione delle concessioni anche alla luce della delibera dell’Autorità dei Trasporti”.

Rispetto alla Gronda di Genova, che divide Lega, Centrodestra e Pd (favorevoli) e Movimento Cinque Stelle (che chiedono una modifica del tracciato), la ministra si sbilancia a favore della realizzazione dell’opera nel suo progetto originario: “Stiamo entrando nel merito di tutte quelle che sono le cose da fare per rendere il più rapida possibile la realizzazione di quell’opera – chiarisce – ma non ricominceremo il progetto da zero, ci sono delle necessità di questo territorio alle quali noi daremo risposte”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Autostrade, De Micheli: “Revisione delle concessioni di Aspi? Non faremo sconti”. Toninelli: “Le starò col fiato sul collo”

prev
Articolo Successivo

Renzi: “Bellanova è capo delegazione di Italia Viva. Far cadere il governo? L’abbiamo fatto nascere noi, non siamo schizofrenici”

next