È stato l’imponente cedro nel chiostro del Rettorato dell’Università di Perugia a ospitare, martedì 17 settembre, alle 21, Two for tree and Orchestra, il nuovo progetto di Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura, in anteprima assoluta per la Sagra Musicale Umbra 2019. I due musicisti si sono esibiti “in alta quota”, seduti sui rami del grande albero. Tromba, flicorno e bandoneon accompagnati per l’occasione – da terra – dall’Orchestra da Camera di Perugia, già da tempo al fianco di due tra i più importanti protagonisti del jazz contemporaneo. Un concerto – promosso con il patrocinio e la collaborazione di Alberi Maestri aps, associazione per la tutela degli alberi – che nasce dall’incontro tra uomo e natura e rimette il suono in dialogo col respiro del vento e il fruscio delle foglie, per uno degli appuntamenti più attesi della 74^ Sagra Musicale Umbra, il più antico festival della regione che quest’anno esplora il rapporto ancestrale dell’umanità con la musica e che prosegue fino a domenica 22 settembre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

TheGiornalisti, parla il chitarrista Marco “Rissa”: “Decisione presa da Paradiso per soldi. Noi? Cercheremo un altro cantante”

prev
Articolo Successivo

Thegiornalisti, il manager di Musella e Primavera annuncia: “Abbiamo un nuovo cantante, si va avanti”. Ecco chi è

next