Imponevano tariffe e assunzioni tra i ‘buttafuori’ di alcuni night club. Con questa accusa, al termine delle indagini della Dda di Palermo, i carabinieri hanno eseguito un’ordinanza cautelare in carcere nei confronti di 11 persone accusate di estorsione aggravata dal metodo mafioso. L’inchiesta ha portato alla luce gli interessi di Cosa Nostra sul controllo e la gestione di locali notturni nel Palermitano.

Figura di spicco di questa macchina organizzativa, secondo gli inquirenti, era Andrea Catalano che avrebbe sfruttato solidi legami con gli esponenti di vertice del mandamento palermitano di Porta Nuova. Per aggirare la normativa di settore Catalano aveva fondato due associazioni di volontari antincendio nell’ambito delle quali venivano formalmente impiegati, in qualità di addetti antincendio, quei “buttafuori” che a causa dei loro precedenti penali si trovavano nell’impossibilità di ottenere la necessaria autorizzazione prefettizia.

Tra i fedelissimi di Catalano anche Massimo Mulè, ritenuto reggente della famiglia mafiosa di Palermo Centro, arrestato già nelle operazione Perseo del 2008 e Cupola 2.0 nel 2018 poi scarcerato lo scorso agosto dal Riesame: stando alla ricostruzione degli inquirenti, aveva imposto a un imprenditore di un noto locale della movida palermitana l’assunzione come addetto alla sicurezza il cognato Vincenzo Di Grazia. Le lamentele del capo della sicurezza di quel locale, costretto a escludere, a turno, uno degli addetti solitamente impiegati, sarebbero state soffocate dai fratelli Andrea e Giovanni Catalano con minacce pesantissime contro la sua famiglia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mafia Foggia, al procedimento contro il racket dei clan erano attese 21 vittime. Ma non si presenta nessuno: solo il Comune parte civile

prev
Articolo Successivo

Mafia, blitz contro clan della provincia di Lecce vicino alla Sacra Corona Unita: 22 arresti

next