Trentaseimila persone evacuate, 8 chilometri di coda in autostrada. E’ in corso da questa mattina una complessa operazione di bonifica di un ordigno bellico rinvenuto a Battipaglia (Salerno). la prima fase dell’intervento è terminata nel primo pomeriggio. Dopo aver terminato le opere di “barricamento” – scavi di ventilazione/trinceramento, necessarie per poter procedere alla bonifica, e di disinnesco – gli artificieri del 21° Reggimento Guastatori di Caserta hanno da poco iniziato la seconda fase, nel corso della quale l’ordigno verrà svuotato. Un’operazione che vede impegnati 8 artificieri, 3 ufficiali per il comando e controllo e 4 della logistica.

L’intervento, stando a quanto riferito dal colonnello Giuseppe Schiariti, dovrebbe terminare tra le 19 e le 20. Nel frattempo Anas, Polizia Stradale e Prefettura stanno predisponendo misure aggiuntive per fronteggiare il traffico venutosi a creare sull’autostrada A2 del Mediterraneo. “In direzione nord – ha spiegato Teseo De Sanctis dirigente superiore del Compartimento della Polizia Stradale Campania e Basilicata – stiamo accumulando otto chilometri”.

L’ordigno, una bomba d’aereo risalente alla seconda guerra mondiale, è stata rinvenuta in un terreno agricolo di via Villani, in località Spineta. Circa 36mila residenti nella zona sono state evacuate a partire dalle ore 5 del mattino nel raggio di 1,6 chilometri dal punto di rinvenimento e, nella stessa area, è stato interdetto il transito veicolare e ferroviario.

L’intervento si articola in quattro fasi e può durare dalle 8 alle 12 ore. I militari prima effettueranno un foro sull’ordigno tramite delle apparecchiature speciali; poi passeranno alla fase della lisciviatura che consentirà di svuotare l’esplosivo tramite un getto d’acqua ad alta pressione; successivamente il materiale estratto verrà steso sul terreno, fatto asciugare e combusto in un fosso realizzato appositamente; infine verrà fatta brillare la spoletta con una piccola carica esplosiva.

Un’anziana di 86 anni è deceduta mentre si trovava nel centro di accoglienza allestito nei locali dell’istituto “Sandro Penna”, a Battipaglia. La donna, allettata e già gravemente malata (secondo quanto si apprende da fonti sanitarie era affetta da bronco pneumopatia cronica ostruttiva e cardiopatia cronica), era stata evacuata questa mattina nell’ambito delle operazioni di disinnesco e trasportata nella struttura destinata all’accompagnamento dei malati fragili (dove sono ospitate altre 83 persone). Le sue condizioni sono improvvisamente precipitate. I medici in servizio al centro di accoglienza hanno provato a rianimarla ma non c’è stato nulla da fare. Gli agenti della Polizia di Stato hanno comunicato la notizia del decesso alla Procura di Salerno. La salma, al momento, si trova all’interno di una tenda della Croce Rossa Italiana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mike Bongiorno, 10 anni senza il re dei presentatori. Mattarella: “Un’icona che resterà nella storia”. Fabio Fazio: “Mi manca”

next
Articolo Successivo

Savona, prete in gita con una classe delle medie accusa un malore dopo aver assunto droga: sospeso temporaneamente

next