A Roma le scuole riapriranno senza mense. I lavoratori delle mense scolastiche dei nidi e delle scuole d’infanzia della capitale hanno infatti proclamato uno sciopero il 16 e il 17 settembre: “Il bando della refezione scolastica – scrive la Filcams Cgil Roma Lazio su Facebook annunciando lo sciopero – continua a mancare di tutele e garanzie sia sul profilo lavorativo che per tutti i bambini e le bambine che frequentano le scuole di Roma Capitale”.

Il bando al centro della protesta è quello sulla refezione scolastica. Una gara che, secondo i sindacati, mette a rischio anche la qualità del servizio destinato ai bambini delle scuole romane: il prezzo del pasto proposto alle aziende, infatti, è di circa 4 euro, all’interno dei quali sono però compresi, afferma ancora il sindacato, gli investimenti sulla riqualificazione dei luoghi, il costo del personale, il costo per le materie prime, il costo della gestione bancaria e aziendale e le attrezzature: “Da questa specifica – scriveva il sindacato dei lavoratori dei servizi a giugno lanciando la campagna “A settembre non aprirete” – si evince che il ‘vero’ costo del pasto si aggira attorno ai 2 euro senza distinzione tra tipologie di scuole, infatti i nidi che dovrebbero avere un costo maggiore sono messi alla pari delle materne e delle elementari”.

“Qualche mese fa abbiamo usato l’hashtag #aSettembreNonAprirete, quattro parole che preannunciavano un autunno caldo e siamo, purtroppo, stati profetici. L’Amministrazione Capitolina, la sindaca Virginia Raggi e l’Assessora alla Persona Laura Baldassarre si sono dimostrate sorde davanti a qualsiasi richiesta fatta dalle Organizzazioni Sindacali”, spiega la Filcams, che rilancia alcune richieste specifiche, a partire dalla formazione per 170 cuoche senza qualifica e l’inserimento di una soglia minima per evitare una gara al massimo ribasso. L’associazione sindacale, inoltre, denuncia l’assenza di 330 cuoche delle scuole autogestite, risolvibile con un’integrazione al bando ante apertura delle buste, e la lesione dei diritti sindacali di assemblea e sciopero. Oltre a continuare a chiedere il ritiro del bando di Roma Capitale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, “Bussetti nomina capo dell’Ufficio ligure una persona a lui vicina”. Lei: “Dirigente da 19 anni, non rispondo su vita privata”

next
Articolo Successivo

All’università, oggi come 20 anni fa, sono tutti mascalzoni (fino a prova contraria)

next