“Non riaprirò le porte agli sciagurati del Partito democratico e restituire le chiavi di casa degli italiani a Boschi, Renzi, Lotti e compagnia. Se qualcuno ha deciso ribaltoni o inciucioni lo dica ad alta voce. Se non c’è un governo la via maestra sono le elezioni. Altrimenti ci si risiede al tavolo e si lavora”. Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini, durante una diretta Facebook. “Qua gli unici veri traditori saranno quelli che eventualmente dovessero tradire il voto popolare per riesumare mummie alla Renzi e alla Boschi – continua -. C’è chi sta lavorando per riportare nei palazzi del potere i bocciati dal voto. Che democrazia è questa? Non darò mai a nessuno – aggiunge – la soddisfazione di aprire i portoni e far entrare Renzi e il Pd”.

“Renzi e Prodi e tornano a parlare per un governo con il M5S. La democrazia per loro vale meno di zero, un pò di dignità. Chi ha paura delle elezioni? Chi si rifiuta di andare ad elezioni ha la coscienza poco pulita. Farò di tutto per evitare che gli italiani anneghino in un governo di sinistra con politiche di sinistra, abbiamo già visto come hanno governato…”, ha aggiunto. “Non riaprirò porte agli sciagurati del Partito democratico”, ha aggiunto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crisi, Salvini non lascia il Viminale: “Non la do vinta. O voto o ci si risiede al tavolo e si lavora”. Di Stefano (M5s): “Serve un TSO”

prev
Articolo Successivo

Bettola, il finto Salvini arresta Carola Rackete. La gag alla festa di paese sotto lo sguardo divertito di due parlamentari leghisti

next