Ha aperto la crisi di governo e chiesto il ritorno alle urne immediato, ma per il momento Matteo Salvini non ha nessuna intenzione di lasciare il Viminale. “Rimango al ministero, non la do vinta”, ha detto su Facebook registrando una diretta dalla casa di campagna del suocero Denis Verdini. Il leghista, poco dopo l’annuncio che la Spagna ha offerto uno dei suoi porti per la nave Open Arms, ha fatto un video non solo per “festeggiare” quella che per lui è una vittoria, ma anche per ribadire che lui la poltrona non la molla, anzi è pronto a cambi radicali di strategia. “O elezioni o ci si risiede al tavolo e si lavora“, ha detto. Quindi ha di nuovo ripetuto di essere disposto ad aprire agli ex soci di governo M5s, a cui nei giorni scorsi ha già offerto, neanche troppo tra le righe, un maxi-rimpasto e la poltrona da premier a Di Maio. Offerte che però, per ora, sono state tutte rispedite al mittente. “Chi ti ha chiesto di togliere il disturbo se non tu stesso e la Lega sfiduciando il governo? Invoco un TSO“, ha scritto su Twitter il sottosegretario M5s Manlio Di Stefano. Ovvero l’ennesima chiusura, dopo che già ieri sul Blog delle Stelle era comparso un post che ribadiva il no alla riapertura delle trattative per far resuscitare il governo gialloverde: “Dopo neanche 24 ore era tra le braccia di Berlusconi”, hanno attaccato i 5 stelle.

#Salvini: “Si lavora e si ragiona con calma da ministro dell’Interno: ieri, oggi e domani. Non darò mai la soddisfazione di togliere il disturbo”.

Tra le poche certezze di queste ore, in attesa delle comunicazioni del presidente del Consiglio al Senato il 20 agosto, c’è che Salvini non intende lasciare la poltrona del Viminale: “Da ministro dell’Interno, ieri oggi e domani finché il buon Dio lo vorrà non darò la soddisfazione di togliere il disturbo”, ha detto nel corso della diretta. Il leghista ha detto di voler restare per garantire la sicurezza degli italiani e soprattutto la chiusura dei porti: “Faccio il ministro con orgoglio, qualunque altro ministro avrebbe ceduto, io no”. In realtà la nave Open Arms è ancora bloccata al largo di Lampedusa con 107 persone a bordo. I migranti sono in mare da 17 giorni e per arrivare in Spagna dovrebbero affrontare almeno altri sei giorni di navigazione: un’opzione che per il momento non sembra essere compatibile con le condizioni delle persone a bordo. Salvini però ha garantito che lui non intende dare l’autorizzazione allo sbarco: “Se devo finire in galera perché ho difeso la sicurezza del mio Paese lo farò contro questa politica che ha a cuore soltanto la poltrona”.

Ma mentre Salvini rivendica di essere l’unico a garantire la chiusura dei porti, lascia anche capire che la sua strategia per il ritorno alle urne già a ottobre ha incontrato numerosi ostacoli. Il primo fra tutti è il fatto di essere in minoranza in Parlamento, tanto che l’ipotesi di una maggioranza alternativa Pd e 5 stelle è sempre più credibile. E la lettera di Romano Prodi al Messaggero, con l’appello a un governo “Orsola”, è solo uno dei segnali più autorevoli. Quindi la nuova strategia del leader del Carroccio è quella di attaccare probabili “inciuci”, ma anche provare a tenersi aperte tutte le strade. Addirittura quella che permetterebbe di riaprire il tavolo con i grillini: “Se qualcuno ha deciso ribaltoni e inciucioni allora lo dica ad alta voce. Se non c’è un governo la via maestra sono le elezioni. Altrimenti ci si risiede al tavolo e si lavora. Ma Renzi e Boschi sono il passato, non perchè lo dice Salvini ma l’hanno detto milioni di italiani in tutte le elezioni”. E ancora: “Ce la giocheremo fino in fondo e alla fine i buoni vincono non solo nelle fiabe, la ragione vince, il cuore vince, la buona fede vince. Magari qualcuno a breve termine può farcela, non tanto a fregar Salvini ma a fregare gli italiani nel nome delle poltrone. Ma al lungo termine il furto non paga mai, in questo caso il furto di democrazia”.

Addirittura il leader del Carroccio si è appellato al Colle: “C’è il presidente Mattarella che fortunatamente ha tutti gli elementi per valutare qual è il percorso più utile per rilanciare questo splendido Paese che è l’Italia. E chiudo come ho aperto chi l’ha dura la vince. L’Italia con me non è più il campo profughi d’Europa. Magari sono solo nei Palazzi romani ma sono assieme a milioni di italiani nella difesa della nostra storia, della nostra dignità, del nostro futuro”. Salvini continua a insistere che, secondo lui, il vero pericolo sarebbe il ritorno al governo dei renziani: “Qua gli unici veri traditori saranno quelli che eventualmente dovessero tradire il voto popolare per riesumare mummie alla Renzi e alla Boschi. C’è chi sta lavorando per riportare nei palazzi del potere i bocciati dal voto. Che democrazia è questa? Non darò mai a nessuno la soddisfazione di aprire i portoni e far entrare Renzi e il Pd”. Niente è ancora deciso e le trattative sono ancora in alto mare. Intanto Salvini ha assicurato che interverrà anche lui a Palazzo Madama: “Cari amici, mi sto preparando al discorso che farò martedì in Senato. Parlerò con chiarezza ai senatori e agli italiani e spiegherò agli italiani cosa sta succedendo davvero”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Open Arms, Salvini: “Chi la dura la vince, non sbarcano in Italia. La Spagna ha aperto i porti”

prev
Articolo Successivo

Crisi, Salvini: “Governo Pd-M5s? Se qualcuno vuole ribaltoni o inciuci lo dica. O elezioni o ci si risiede al tavolo”

next