Uno spray urticante, probabilmente al peperoncino, spruzzato per due volte in mezzo al pubblico. È successo a Lignano Sabbiadoro, durante il concerto di Salmo. Sette persone sono finite al pronto soccorso per irritazioni e intossicazione. Il cantante ha interrotto subito l’esibizione, portando la calma tra i presenti e contribuendo, secondo la Questura, a evitare che la situazione degenerasse. Come si vede nel video, Salmo invita le persone nelle prime file a prendere spazio, allargandosi, dove è stato usato lo spray, e indicando ai presenti che “non si sarebbero fatti rovinare la serata dalla presenza di certi idioti”, quando c’è stato il parapiglia.

Qualcuno era persuaso di aver individuato il responsabile, che è stato accerchiato e colpito, rischiando il linciaggio. Solo la prontezza del rapper e delle forze dell’ordine hanno evitato violenze: Salmo ha imposto infatti il blocco dell’azione punitiva inviando la security, giunta immediatamente, così come le forze dell’ordine, e facendo subito accendere tutte le luci per evitare che si innescassero scene di panico e fuga. Poi è sceso tra i fan come gesto di rassicurazione. La bomboletta, trovata dalla polizia, era abilmente camuffata da deodorante e forse per questo motivo non è stata bloccata ai varchi di accesso.

Il racconto dei testimoni – “Stavamo assistendo al concerto quando qualcuno ha stappato la collanina d’oro al nostro amico e subito dopo ha usato lo spray per fuggire” è la ricostruzione di uno dei ragazzini coinvolti. “Stavamo pogando, cioè ballando con un contatto fisico, ma non violento quando si è avvicinato un uomo: era piccolino, abbronzato, di età compresa tra i 30 e i 40 anni, indossava una maglietta verde militare. Sembrava si stesse divertendo come tutti, anche se era più irruento. A un tratto ha strappato la collanina. Appena ci siamo accorti, abbiamo iniziato a urlare e delle persone dietro di noi hanno accusato l’uomo. Lui con un gesto fulmineo, per guadagnare la fuga, ha estratto dalla tasca una bomboletta spray e ha spruzzato il peperoncino, scappando in mezzo alla folla. In pochi attimi si è creato il vuoto e abbiamo avuto paura di poter restare schiacciati: per fortuna c’era spazio e quindi abbiamo potuto allargarci. I soccorsi e l’intervento della security sono stati tempestivi, grazie al fatto che Salmo ha interrotto la canzone e si sono accese le luci”.

L’appello della polizia – “Chi ha registrato dei video nei momenti che precedono e seguono l’utilizzo dello spray urticante si faccia avanti e li consegni alla Polizia”. È l’appello lanciato dalla Questura di Udine. Dalle immagini dei telefonini potrebbero infatti spuntare elementi utili a individuare l’autore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spray urticante al concerto di Salmo, il racconto dei testimoni: “Usato per rubare una collanina d’oro a un nostro amico”

prev
Articolo Successivo

Nadia Toffa morta, funerale il 16 agosto a Brescia. A celebrarlo don Maurizio Patriciello, parroco della Terra dei Fuochi

next