Il prossimo 23 settembre, a New York, si terrà un importante evento, dove le Nazioni Unite si riuniranno per fare il punto della situazione sullo stato dei cambiamenti climatici e su alcuni temi programmatici da sviluppare per tentare di limitare l’impatto antropico sull’evoluzione di tali cambiamenti. In questo summit, condensato in una sola giornata e qui mi pare davvero che il tempo a disposizione sia davvero pochino, il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres porrà in risalto alcuni temi fondamentali per uno sviluppo sostenibile, sollecitando le nazioni ad implementare gli sforzi per una conversione economica verso la sostenibilità ambientale.

I want to hear about how we are going to stop the increase in emissions by 2020, and dramatically reduce emissions to reach net-zero emissions by mid-century: questa la dichiarazione del segretario generale dell’Onu, che ascolterà come i paesi intendano applicare quanto concordato nella convenzione di Parigi, la famosa Cop21. Un’agenda che intende dettare alcuni passaggi importanti per raggiungere l’obiettivo di rientrare in armonia con la nostra madre Terra, qui riassunta:

Finanza: muovere risorse pubbliche e private per guidare la decarbonizzazione in tutti i settori principali;

Transizione energetica: accelerare il passaggio dalle energie fossili a quelle rinnovabili, passando dall’efficientamento energetico;

Trasformazione del mondo industriale: con lo sviluppo sostenibile delle industrie petrolifere e del gas, dell’acciaio, cemento, chimiche e information technology;

Soluzioni naturali e sostenibili: riduzione delle emissioni e sviluppo di un’economia che valorizzi la biodiversità e l’agricoltura biologica; sviluppo di città che attuino azioni localizzate, rispettose degli intenti dettati dalle necessità impellenti di ridurre l’impatto antropico sul clima.

Un’agenda interessante che, però, contrasta molto con le realtà politiche di molte nazioni, che sono ancora orientate a mantenere e sviluppare economie basate sul fossil fuel e su dinamiche progettuali che mantengono l’attuale situazione, anzi addirittura aggravandola. Penso proprio agli Usa, che ospitano il meeting e sono guidati da un presidente che rappresenta il massimo esponente del negazionismo dei cambiamenti climatici in corso. Come farà un’agenda con tali nobili intenzioni a trovare applicazione in un programma politico che va proprio nella direzione opposta?

Se, poi, scendiamo a livelli molto più vicini a noi, penso alla mia città , che pure ha delle proposte progettuali sostenibili, con numerosi interventi sul risparmio energetico e, poi, invece, approva la realizzazione di un bacino di raccolta acqua per innevamento artificiale, su una montagna “alta” 1600 metri, dove lo zero termico si alza di anno in anno e, quindi, anche innevare artificialmente sarà semplicemente assurdo. Ecco: quando dal basso, cioè da dove deve necessariamente partire la vera rivoluzione economica per un’economia sostenibile, si continua a procedere con i vecchi sistemi, qui cadono tutte le credibilità di agende programmatiche nobili e di ampio respiro.

Intanto, i giovani protestano e ci accuseranno di aver lasciato loro un mondo devastato che spinge l’umanità all’estinzione. Forse, la piccola ma grande Greta Thunberg ci richiama alla coerenza e lo fa anche con gesti significativi importanti.

Per cambiare è necessario, però, lottare per far crescere progetti sostenibili e tentare di fermare quelli in antitesi con l’agenda nobile. Per esempio, la petizione per fermare lo scempio sul monte Bondone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dolomiti bellunesi, sono tornato sulla Marmolada. E ci ho raccolto l’immondizia

prev
Articolo Successivo

Ex Ilva, ArcelorMittal: “Il governo ripristinerà l’immunità penale, ricevute rassicurazioni”

next