Il 4 dicembre del 2016 avevano rubato 8,5 milioni di euro da un caveau della Sicurtrasport, nella periferia di Catanzaro, aperto con una ruspa dotata di martello pneumatico. Un colpo portato a termine da una banda di cerignolani, secondo gli inquirenti con il lasciapassare della ‘ndrangheta locale: armati di kalashnikov e tute mimetiche, coperti dai basisti locali e dal responsabile della sicurezza del caveau. Le persone ritenute responsabili, arrestate nell’aprile del 2018 grazie anche grazie alle dichiarazioni di una collaboratrice di giustizia, sono state condannate a pene che vanno dai 2 ai 14 anni.

La sentenza è stata emessa il 31 luglio dal gup del tribunale di Catanzaro, che ha condannato Giovanni Passalacqua e Dante Mannolo a 14 anni, Alessandro Morra a 12 anni, Matteo Ladogana, Carmine Fratepietro, Pasquale Pazienza e Leonardo Passalacqua a 10 anni e 8 mesi. Annamaria Cerminara, l’ex compagna di Passalacqua diventata collaboratrice di giustizia, è stata condannata a 2 anni con la sospensione condizionale della pena. Assolto Mario Mancino. Gli imputati sono stati condannati anche al risarcimento dei danni alla parte civile, ovvero alla Sicurtrasport: alla società dovranno dare, a titolo provvisionale, 9,8 milioni di euro.

Annamaria Cerminara aveva raccontato tutto quello che sapeva alla polizia, dopo che Passalacqua la aveva più volte accusata di aver rubato dei soldi della rapina milionaria. Entrata nel programma di protezione, per la donna erano però iniziate le pressioni del compagno, che era riuscito a farla ritornare sui suoi passi. Al suo ritorno a Catanzaro, però, le persone contigue alla ‘ndrangheta che avevano dato il permesso alla rapina aveva preteso di sapere cosa fosse stato rivelato alla polizia: “O ci pensi tu, o ci pensiamo noi”, avevano detto a Passalacqua. A quel punto Cerminara era tornata sotto protezione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reggio Calabria, l’inchiesta sulla cosca Libri. L’ex politico su Nicolò (FdI): “Ha vinto con i voti di quelli che hanno sotterrato suo padre”

prev
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, 10 fermi tra gli affiliati alla cosca Cordì di Locri: “Estorsioni a imprese edili e monopolio nella gestione del cimitero”

next