Nel corso del question time alla Camera il leghista Claudio Borghi, presidente della commissione Bilancio, ha chiesto al ministro dell’Economia, Giovanni Tria, se ai vertici europei si fosse opposto alla modifica del Meccanismo europeo di stabilità, il cosiddetto fondo salva-Stati. La risposta di Tria, che ha posto l’accento sul fatto che il Parlamento abbia il diritto di respingere l’accordo, non ha però soddisfatto il deputato della Lega, che ha ribadito: “Non ho capito se abbiate detto di no. Non ci voleva molto”. “Tria è nel mirino della Lega” è il commento del Pd alla Camera per bocca del vicepresidente Fabio Melilli. “Il ministro è stato duramente attaccato da Borghi. Siamo alla guerriglia parlamentare, la maggioranza non c’è più”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gozi, Di Maio: “Sarà consigliere di Macron? Valutare se togliergli la cittadinanza”. Calenda: “Fatto grave”. E lui: “Siamo caduti in basso”

next
Articolo Successivo

Senato, protesta in Aula per assegnazione seggio vacante: Pd occupa banchi del Governo e agita Costituzione. Casellati sospende la seduta

next