Nel corso del question time alla Camera il leghista Claudio Borghi, presidente della commissione Bilancio, ha chiesto al ministro dell’Economia, Giovanni Tria, se ai vertici europei si fosse opposto alla modifica del Meccanismo europeo di stabilità, il cosiddetto fondo salva-Stati. La risposta di Tria, che ha posto l’accento sul fatto che il Parlamento abbia il diritto di respingere l’accordo, non ha però soddisfatto il deputato della Lega, che ha ribadito: “Non ho capito se abbiate detto di no. Non ci voleva molto”. “Tria è nel mirino della Lega” è il commento del Pd alla Camera per bocca del vicepresidente Fabio Melilli. “Il ministro è stato duramente attaccato da Borghi. Siamo alla guerriglia parlamentare, la maggioranza non c’è più”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gozi, Di Maio: “Sarà consigliere di Macron? Valutare se togliergli la cittadinanza”. Calenda: “Fatto grave”. E lui: “Siamo caduti in basso”

next
Articolo Successivo

Senato, protesta in Aula per assegnazione seggio vacante: Pd occupa banchi del Governo e agita Costituzione. Casellati sospende la seduta

next