Nel corso del question time alla Camera il leghista Claudio Borghi, presidente della commissione Bilancio, ha chiesto al ministro dell’Economia, Giovanni Tria, se ai vertici europei si fosse opposto alla modifica del Meccanismo europeo di stabilità, il cosiddetto fondo salva-Stati. La risposta di Tria, che ha posto l’accento sul fatto che il Parlamento abbia il diritto di respingere l’accordo, non ha però soddisfatto il deputato della Lega, che ha ribadito: “Non ho capito se abbiate detto di no. Non ci voleva molto”. “Tria è nel mirino della Lega” è il commento del Pd alla Camera per bocca del vicepresidente Fabio Melilli. “Il ministro è stato duramente attaccato da Borghi. Siamo alla guerriglia parlamentare, la maggioranza non c’è più”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gozi, Di Maio: “Sarà consigliere di Macron? Valutare se togliergli la cittadinanza”. Calenda: “Fatto grave”. E lui: “Siamo caduti in basso”

prev
Articolo Successivo

Senato, protesta in Aula per assegnazione seggio vacante: Pd occupa banchi del Governo e agita Costituzione. Casellati sospende la seduta

next