È un Consiglio dei Ministri che si è protratto fino a tarda notte quello iniziato alle 16.30, con un ritardo di un’ora e mezza sul programma iniziale, nel quale si è discusso della riforma della giustizia sulla base della bozza presentata dal ministro Alfonso Bonafede. Un tavolo pieno di tensioni, nonostante un’ora abbondante di pre-vertice tra Giuseppe Conte e i vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio per sciogliere alcuni nodi, con il ministro della Giustizia e quello per la Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno, che, sono arrivati allo scontro duro.

Alla fine, c’è il via libera “salvo intese”. Ma mentre sul Csm e il civile M5s e Lega hanno trovato un’intesa, le distanze restano marcate sul penale. Con i pentastellati che avanzano dubbi sulla reale volontà della Lega: “Ho sentito tanti “no”, c’è stata assoluta disponibilità da parte mia ad affrontare proposte di modifiche – ha spiegato Bonafede all’uscita – Io penso che i cittadini non possano aspettare più una riforma della giustizia”. L’oggetto del contendere? Il Guardasigilli lo dice chiaro e tondo: “Non vorrei che ci fosse il tema della prescrizione come nodo che non viene portato al tavolo”. Già, perché la riforma – inserita dello Spazzacorrotti – che dovrebbe bloccarla dopo il primo grado entrerà in vigore nel 2020, ma è subordinato all’approvazione della riforma della giustizia. Mentre per la Lega restano distanze su una riforma che è “di facciata”: le proposte leghiste – viene spiegato – non sono mai state accolte e ora è difficile correggere il testo, perché è sbagliato l’impianto

Salvini e Bongiorno al termine del Cdm, intorno alla mezzanotte, tacciono. Ma la Lega dirama una nota durissima in cui parla di cittadini “ostaggio” e invoca “tempi certi”, da “stato di diritto”. Il provvedimento promette – un prossimo Consiglio dei ministri è previsto il 6 agosto – di essere ancora oggetto di un lungo e duro confronto. E Salvini in nottata non sembra mutare di molto il giudizio espresso di primo mattino: Bonafede “ci mette pure la buona volontà” ma la sua “cosiddetta riforma non c’è, è acqua”, dovrebbe essere “imponente, storica” come quella che la Lega ha “pronta” che separa le carriere, “dimezza i tempi dei processi, premia chi merita e punisce chi sbaglia”. 

Il Consiglio dei ministri, previsto alle 15, era iniziato solo attorno alle 16.30 preceduto dal faccia a faccia tra il premier e i leader di Lega e M5s. Ma dopo aver deciso di impugnare alcune leggi regionali con urgenza e l’approvazione rapida, per la firma del presidente della Repubblica, di otto proroghe degli scioglimenti di Consiglio comunali e lo scioglimento di un nuovo Comune, i lavori sono stati sospesi fino alle 18.45. Secondo fonti leghiste lo stop  stato dovuto a “motivi tecnici” e nel frattempo sono proseguire le riunioni per limare il testo, sul quale Conte aveva in precedenza fatto il punto con Di Maio e Salvini. Prima dell’inizio dell’incontro ristretto, il leader leghista aveva puntato i piedi e durante una diretta Facebook aveva definito per la prima volta “acqua” la bozza di riforma di Bonafede. Poi aveva sottolineato la necessità di una riforma “vera”. Mentre a suo avviso il testo uscito dagli uffici di via Arenula “non è quello che gli italiani si aspettano”. La Lega, ha aggiunto, ha un bozza “già pronta, efficace ed incisiva, che separa le carriere, dimezza i tempi dei processi, premia chi merita e punisce chi sbaglia”. Dopo 8 di riunione fiume, le posizioni sono rimaste distanti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Forza Italia, l’appello di Berlusconi: “Formiamo una federazione fra diversi soggetti per un nuovo centro moderato”

next
Articolo Successivo

Riforma della Giustizia, Bonafede: “Tanti ‘no’ della Lega. Il vero problema è la prescrizione?”

next